11 agosto 2016
11 ago 2016

Ecuador: La prima missione di P. Dehon

di  Stephen Huffstetter, scj

email email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Il Consigliere Generale, p. Stephen Huffstetter, ci scrive dall’ Ecuador, dove, la scorsa settimana, ha visitato la nostra comunità SCJ. Come scrive anche p. Stephen nel suo messaggio, p. Dehon, ha inviato i primi missionari della congregazione in Ecuador nel 1888. Ma a causa di diversi e complessi problemi, la missione non ha avuto successo e i dehoniani hanno lasciato il paese nel 1896. Cento anni dopo, la Provincia spagnola ha assunto il compito di una nuova missione. Il distretto ora è composto da due comunità: una a Quito e una sulla costa a Bahía de Caráquez. I membri del distretto provengono, non solo dalla Spagna, ma anche dal Venezuela, dal Brasile e ora anche dallo stesso Ecuador. P. Steve scrive:

ecu 1_ 12

Sono arrivato a Quito a tarda notte, per la mia prima visita in Ecuador. Lungo il percorso verso la casa della comunità, ho potuto vedere le luci sui ripidi pendii delle colline, ma non ho potuto avere una vera e propria immagine del paesaggio fino al sole del mattino. P. José Luis Domínguez González, superiore del distretto, e il diacono Carlos Alonzo Vargas ci hanno accompagnato per un giro a piedi del quartiere. Con un’altitudine compresa tra 2700-3000 mt sopra il livello del mare, ho potuto apprezzare il ritmo lento della camminata, perché ero senza fiato a causa dell’altezza e dell’aria sottile.

ecu 1_ 5

José Luis si è unito alla missione in Ecuador nel 2001, una settimana dopo la sua ordinazione sacerdotale, e sta finendo il suo primo mandato di tre anni come superiore. È molto impegnato in “Retrovaille”, un programma per le coppie in difficoltà, ed è presidente del capitolo latinoamericano.

Carlos proviene dal Venezuela, ed è nella regione di Bahía de Caráquez dal mese di marzo. Ho incontrato anche P. Edson Pacheco de Almeida, brasiliano, che lavora nella pastorale vocazionale a Bahía, e Hernan Carrera Pruna, un candidato SCJ dall’Ecuador che sta svolgendo i suoi studi di filosofia.

ecu 1_ 9

La nostra casa è in un quartiere vicino alla Central University dell’Ecuador. Un buon numero di studenti erano impegnati nelle sessioni estive, come abbiamo potuto constatare camminando attraverso il campus. Nelle vicinanze si trovano anche la sede episcopale, la Conferenza religiosa dell’Ecuador e l’Università Cattolica, dove i candidati SCJ frequentano le lezioni. Nel mese di settembre ci saranno sei nuovi candidati.

La nostra prima tappa è stata un mercato, dove ho visto frutti e ortaggi completamente nuovi per me. José Luis mi ha aiutato ad imparare i nomi di ognuno di essi, e poi abbiamo mangiato delle banane salate e chicchi di mais tostato. Abbiamo visto una grande varietà di pesci, molto diffusi in questo paese costiero.

ecu 1_ 7

P. Dehon ha inviato i primi missionari della congregazione in Ecuador nel 1888. L’Ecuador è stato il primo paese consacrato al Sacro Cuore di Gesù. A causa di complessi problemi, la missione non ha avuto successo, e i missionari hanno lasciato il paese nel 1896, per recarsi in altre terre, come il Congo e il Brasile. Presso la biblioteca del centro, ho riconosciuto il nome di monsignor Grison, che più tardi divenne vescovo di Kisangani. Cento anni dopo, nel 1997, la provincia spagnola ha assunto nuovamente il compito di sostenere una missione. Il distretto ora è composto da due comunità: una a Quito e una sulla costa a Bahía de Caráquez. I membri del distretto non provengono solo dalla Spagna, ma anche dal Venezuela, dal Brasile e ora anche dallo stesso Ecuador.

La nostra parrocchia a Quito, Santa María de la Argelia, è formata in realtà da una serie di nove cappelle che servono una vasta area della parte meridionale della capitale. L’area abitata conta quasi 50.000 persone. Il 90% del paese è nominalmente cattolico e, come in molte altre parti del mondo, la sfida è quella di riuscire a servire quella piccola percentuale che vediamo in chiesa ogni settimana e a raggiungere coloro che sono ai margini. Questa zona di Quito è cresciuta grazie alle persone provenienti dai piccoli villaggi della campagna, che si riversano in città in cerca di lavoro.

ecu 1_ 11

P. Artemio López Merino e fratel José María Urbina Rioja sono missionari sin dalla ripresa della missione nel 1997. Artemio mi ha consegnato un libro che illustra tutta la storia della missione. P. Benjamín Ramos Fraile, che ha trascorso molti anni a Bahía ed è stato nominato parroco a Quito un mese fa, si è unito a loro. Stanno organizzando una settimana di campo estivo per giovani di età compresa tra i 4 e i 13 anni, con l’intenzione di avvicinare anche le famiglie nel corso di questo periodo. P. Joaquín Izurzu Satrústegui è membro della provincia spagnola, ed è qui per dare una mano nel mese di agosto, mentre è in una pausa dal suo ministero a scuola.

ecu 1_ 10

I dehoniani sostengono un programma parrocchiale per gli anziani, in collaborazione con l’amministrazione locale. Gli anziani si definiscono come “70 + un po'”. I servizi comprendono i pasti, la terapia fisica, la consulenza nutrizionale, regolari visite mediche e un assistente sociale a disposizione per affrontare i problemi familiari. Forse la cosa più importante è la “dimensione sociale” del tempo trascorso insieme con altri in attività divertenti. Abbiamo celebrato la messa per sostenere anche la dimensione spirituale della loro vita. Le intenzioni di preghiera erano rivolte non solo alle esigenze delle loro famiglie, ma anche a quelle della comunità che li circonda e che li accoglie. Sono rimasto sorpreso dalla forza degli abbracci ricevuti dopo la messa.

ecu 1_ 4

La vita in questi quartieri può essere difficile; con la violenza nelle famiglie, molti padri assenti, l’attività delle bande, lo spaccio della droga e una carenza di posti di lavoro. La segreteria parrocchiale ha dovuto installare una grata di metallo, dopo un paio di tentativi di rapina. Venerdì sera la parrocchia si dedica ai senzatetto, andando in strada per incontrare le persone in stato di bisogno.

Le cappelle sono di varia misura e si va da chiese di dimensioni medie a sale riunioni della comunità. Ne abbiamo visitate tre. Accanto alla cappella di San Francisco Javier ci sono 11 piccole case, originariamente costruite per ospitare le vittime della violenza domestica. Ora la comunità le utilizza per ospitare alcuni profughi, molti dei quali provengono dalla vicina Colombia. La comunità di San Carlos sta costruendo una nuova cappella, un mattone alla volta, in base a quello che sono in grado di fare. La tentazione è quella di chiedere del denaro per finire più rapidamente. Ma anche se ci vorrà più tempo, i parrocchiani la stanno costruendo da soli, e alla fine ne avranno la proprietà e la responsabilità. Ad Argelia Alta siamo stati accolti da molte donne e bambini della parrocchia.

La messa dei giorni feriali qui ogni volta è differente. Ogni sera la celebrazione è affidata a uno dei vari gruppi parrocchiali. Una sera abbiamo celebrato con il comitato delle famiglie. La seconda sera è stata la volta di un gruppo di preghiera carismatico. Ogni gruppo responsabile della celebrazione liturgica di quel giorno, cura la musica e le letture.

ecu 1_ 1

Una sera ho partecipato alla riunione di alcuni parrocchiani che hanno beneficiato di un programma di micro-credito dalla Spagna per aiutare le famiglie a intraprendere piccole imprese. José Luis Angel Vega ha incontrato gruppi di 6-10 persone che si sono dati nomi come “Sacro Cuore”, “Santa Maria”, “Vita e fede”. Hanno presentato i loro progetti che andavano dalla carpenteria, alla rivendita di pneumatici, a ristoranti, negozi di abbigliamento e internet caffè. Ricevono piccoli prestiti fino a $ 1.000 e il gruppo li aiuta a lavorare per assicurarsi che l’attività diventi stabile e il prestito possa essere rimborsato, in modo da avere altri fondi da investire nella comunità. È molto difficile lavorare per persone che hanno idee e speranze, ma non possono fornire nessuna garanzia economica, e tutto questo dà loro una possibilità. Queste persone cercano di fornire i servizi necessari e ricercati nel loro quartiere e all’interno della parrocchia.

ecu 1_ 3

Ho trascorso del tempo a parlare con ogni singolo membro del distretto e con le comunità locali nel loro complesso. Quello che vogliono far sapere alla Congregazione è che lavorano duramente sia sulla pastorale, sia per creare delle buone condizioni per vivere al meglio la vita religiosa. Hanno formato una comunità internazionale e, mentre si sforzano di sviluppare le vocazioni locali nel popolo ecuadoregno, vogliono anche dare il benvenuto a tutti coloro che provengono da altre entità e che hanno un buon spirito di missione per unirsi a loro.

Ho trascorso una giornata molto divertente ad esplorare le curiosità turistiche di Quito. L’Ecuador si trova ovviamente sull’equatore. Mitad del Mundo (al centro del mondo), è un villaggio e un monumento costruito sul luogo dove si è calcolato che sia il centro geografico della Terra. Abbiamo visitato un villaggio di case tipiche ricostruite, di diverse regioni, come la foresta amazzonica, gli altopiani di montagna e le pianure costiere. Le nostre guide erano vestite con i colorati abiti locali, di coloro che per primi hanno portato la vita in terre prima disabitate.

ecu 1_ 6

Lungo la linea dell’equatore, siamo entrati in un museo che ha dimostrato come la forza di gravità, spostandosi di pochi metri su entrambi i lati, crei un turbine nell’acqua dello scarico in direzioni diverse. Ho cercato di mettere un uovo in posizione verticale su un chiodo, ma non ci sono riuscito! Un gruppo di studenti statunitensi, delle scuole superiori, stava iniziando una visita in inglese, e mi sono unito a loro, per conoscere la flora, la fauna e la popolazione dell’Ecuador. Abbiamo visto anche alcune teste rimpicciolite. Alcune sono state realizzate per dimostrare il potere sul nemico, altre per preservare la saggezza di un anziano rispettato nella comunità. La pratica è ora vietata, ma in alcune regioni remote, continua.

ecu 1_ 8

La terra vulcanica montuosa intorno a Quito è davvero sorprendente. Abbiamo visitato un enorme cratere vulcanico, il Pululahua, che misura circa 40 km di circonferenza. Nella valle sottostante abbiamo potuto vedere fattorie verdi e fertili. Abbiamo camminato fino El Pucará de Rumicucho, una zona collinare utilizzata dagli Inca e dalle vecchie culture tribali per la preghiera e le cerimonie.

Benché abbia provato molti nuovi frutti e alimenti, il Cuy, piatto nazionale (Guinea Pig), è stato sicuramente quello più particolare. Con il nostro gruppo ne abbiamo diviso un piatto e la carne è gustosa e tenera, come le costine di maiale”.

Articolo disponibile in:

Iscriviti
alla nostra newsletter

ISCRIVITI

Seguici
sui nostri canali social

 - 

Iscriviti
alla nostra newsletter