18 gennaio 2021
18 gen 2021

“Fratello tra fratelli”

Il vescovo emerito Teemu Sippo SCJ è stato vescovo della diocesi di Helsinki, Finlandia per dieci anni. Nel maggio 2019, dopo un grave infortunio, si è ritirato dal suo incarico. È stato molto attivo nel dialogo ecumenico e ha anche presieduto il Consiglio ecumenico finlandese (2010­–2015).

di  Martti Savijoki, scj

email email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Monsignore Sippo, quando si guarda indietro al suo tempo come vescovo in Helsinki, quali sono le gioie e le sfide che vede?

È stato un grande onore e una grande gioia essere nominato vescovo, ma anche una grande sfida. Ero contento per la fiducia riposta in me, ma mi chiedevo anche come avrei affrontato il servizio.

È stata anche una grande gioia amministrare il sacramento della Cresima ai giovani e ordinare diaconi e sacerdoti. La collaborazione con i consigli della diocesi e le conversazioni con i sacerdoti e i laici mi hanno aiutato molto nelle mie decisioni. Sono molto grato ai sacerdoti attivi nella diocesi.

La mia più grande preoccupazione è stata quella di quei sacerdoti che sono stati sopraffatti dai loro doveri nella diocesi. Una sfida costante è stata anche la difficile situazione economica della piccola diocesi, ma sono molto grato a tutti i benefattori in Finlandia e all’estero.

In che modo il suo background dehoniano ha influenzato il suo servizio come vescovo?

Dopo essere stato nominato vescovo, ho scelto come motto “Christus fons vitae” (Cristo, la fonte della vita). Per me, questa frase si riferisce al Sacro Cuore di Gesù, che è la fonte della vita.

Il modo in cui i dehoniani incontrano le persone è diventato anche il mio atteggiamento. Non ho vissuto me stesso solo come un’autorità, ma anche come un fratello tra fratelli. Anche se non ho potuto vivere in una comunità dehoniana come vescovo, mi sento ancora legato ai miei fratelli. La spiritualità del Cuore di Gesù mi è più vicina che mai.

Lei è stato molto attivo nel dialogo ecumenico. Quali passi sono già stati fatti in Finlandia e quali dovrebbero essere i prossimi passi?

Come convertito dal luteranesimo, ho sempre pensato all’interazione e ai confini tra la confessione luterana e quella cattolica. Il mio predecessore, il vescovo Paul Verschueren, è stato per me una grande ispirazione. Ha stabilito buoni rapporti ecumenici con altre comunità cristiane in Finlandia. A quel tempo la Chiesa cattolica divenne membro a pieno titolo del Consiglio ecumenico finlandese. Mentre studiavo teologia a Friburgo, in Germania, negli anni Settanta, il mio professore preferito era Karl Lehmann (poi cardinale). Insegnava dogmatica e teologia ecumenica all’Università di Friburgo.

Ho partecipato a numerosi eventi ecumenici in Finlandia; il più recente è stato un dialogo teologico tra cattolici e luterani. Nel documento conclusivo, Communion in Growth – Declaration on the Church, Eucharist and Ministry (Helsinki, 2017), si nota l’atteggiamento positivo dei luterani nei confronti dell’insegnamento cattolico sulla Chiesa, l’Eucaristia e il sacerdozio. Si può anche vedere l’influenza del Concilio Vaticano II nei contributi. I teologi luterani parlano addirittura del papato in un tono sorprendentemente positivo. Abbiamo fatto alcuni passi importanti verso l’unità, ma naturalmente c’è stato anche un acceso dibattito.

Per quanto riguarda l’Eucaristia, è ancora controverso se la presenza reale di Cristo sia da intendersi nella stessa maniera nella luterana come nell’Eucaristia cattolica. Ci sono anche alcune opinioni diverse sul sacerdozio. Ciò dimostra, nella questione del sacerdozio femminile, come l’ordinazione sacerdotale e il ruolo del sacerdote siano concepiti. Nel cattolicesimo, il sacerdozio ha sempre a che fare con la persona e con l’esistenza del sacerdote. Egli rappresenta Cristo. Ma anche in queste questioni i cattolici e i luterani hanno fatto passi avanti verso l’unità.

Il passo ulteriore sarebbe che i luterani e i cattolici, come chiese, cominciassero a mettere in pratica nella loro prassi ciò di cui parla questa dichiarazione. Solo dopo diversi anni possiamo vedere se questi passi teologici diventano realtà.

Quali sono alcune cose pratiche che i cristiani possono fare per promuovere l’unità dei cristiani?

Prima di tutto, si può pregare. È molto importante che i cattolici si sforzino di partecipare alla preghiera di Cristo per l’unità di tutti i cristiani. È anche essenziale avere un atteggiamento di amicizia e di amore verso tutti, specialmente verso i fratelli cristiani di altre denominazioni. Nonostante le differenze, dovremmo incontrarci in contesti diversi. Nessun evento ecumenico è vano! Possiamo lavorare per l’unità anche attraverso la scrittura e la comunicazione, ma soprattutto abbiamo bisogno di sincerità e di amore per le nostre sorelle e i nostri fratelli di altre denominazioni cristiane.

Come dehoniani, come dovremmo promuovere il dialogo ecumenico?

Padre Dehon ci esorta profeticamente: “Sint unum”. Siate una cosa sola! Con questo intendeva soprattutto l’unità tra i dehoniani, ma in un senso più ampio si può intendere l’unità tra tutti i cristiani. Ciò significa che padre Dehon ci esorta a lavorare per l’unità in ogni modo. Per quanto riguarda il modo in cui dovremmo farlo, la risposta all’ultima domanda vale anche per i dehoniani.

Come osservazione conclusiva vorrei dire: quando penso al cattolicesimo e all’ecumenismo, noto molte somiglianze tra i due concetti.

Iscriviti
alla nostra newsletter

ISCRIVITI

Seguici
sui nostri canali social

 - 

Iscriviti
alla nostra newsletter