19 maggio 2021
19 mag 2021

Il dono della vocazione

Il 15 maggio 2021, il vescovo ausiliare dell'arcidiocesi di Cracovia, Damian Muskus OFM, ha consacrato quattro dei nostri confratelli. Tre sono originari dalla Bielorussia e uno dalla Polonia.


email email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Il 15 maggio 2021, il vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Cracovia, Damian Muskus OFM, ha consacrato quattro nostri confratelli. Tra loro, tre vengono dalla Bielorussia e uno dalla Polonia.

Durante la celebrazione dell’ordinazione, nella sua omelia, il vescovo Damian ha prestato particolare attenzione alle profonde verità che provengono dalla preghiera di Gesù al Padre: “Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli” (Matt. 11, 25).

Il primo è un atteggiamento di gratitudine a Dio per il dono della vocazione e della scelta, che dovrebbe accompagnare permanentemente i neo-ordinati nel loro quotidiano ministero della Parola e nella celebrazione dei sacramenti. Il vescovo Damian ha anche invitato i nostri Confratelli ad essere persone semplici e umili, perché solo in tali persone Gesù trova la sua simpatia e il Padre celeste scopre davanti a loro i misteri più profondi della fede cristiana. Infine, i nostri Confratelli sono stati incoraggiati ad essere particolarmente sensibili ai poveri, ai disprezzati e agli emarginati della società. È soprattutto a loro che saranno inviati oggi, ed è a loro e a tutti coloro che sono alla periferia della Chiesa che devono annunciare il vangelo del Padre misericordioso.

Con queste parole, il vescovo Damian ha espresso le verità essenziali del carisma di cui i nostri confratelli sono stati insigniti oggi.

Iscriviti
alla nostra newsletter

ISCRIVITI

Seguici
sui nostri canali social

 - 

Iscriviti
alla nostra newsletter