Nei passi di Cristo

email email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Un solo Signore, una sola fede, un solo Dio e Padre, un solo Spirito, un solo battesimo: questo unisce tutti i cristiani. Eppure l’operato dello Spirito è vario e sfaccettato.
Noi consideriamo Gesù Cristo soprattutto nei suoi “sentimenti” (Fil 2,5) di amore, bontà, misericordia, generosità, di offerta di sé stesso. In breve: nel simbolo del cuore.

La nostra esperienza di fede

La particolarità della nostra devozione al Sacro Cuore di Gesù è la profonda e viva unione con Gesù Cristo (mistica) e il pronto sensibile interesse per le questioni sociali e politiche (politica).

L’unione con Gesù Cristo orienta la nostra visione della realtà della vita: le persone, la vita di tutti i giorni, la società. E la realtà mostra le tracce del Dio vivente, anche oggi. Portiamo con noi nella preghiera la vita quotidiana.

Secondo l’esperienza di fede di p. Dehon

Questa esperienza spirituale fu caratteristica anche di padre Leo Dehon, il nostro fondatore. Già alla fine del XIX secolo, nell’ambiente operaio e industriale francese, p. Dehon spinto da un’autentica devozione al Cuore di Gesù si impegnò appassionatamente per la giustizia sociale. La disponibilità, l’Eucaristia, l’adorazione e l’unione a Gesù sono ancora oggi elementi essenziali della Famiglia Dehoniana, così come la dottrina sociale, l’educazione, i gruppi giovanili, i lavoratori e l’impegno sociale.

 La croce dehoniana


La storia

Nel 1979 la provincia tedesca organizzò una Festa della Gioventù nel collegio St. Sebastian a Stegen in occasione dei 50 anni della scuola. In preparazione all’incontro, si bandì un concorso per proporre un logo, il cui obiettivo era interpretare l’espressione contenuta nel libro Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry: “Si vede bene solo con il cuore”. I giudici del concorso erano i professori di arte al collegio di Stegen, Alfred Erhard e Benedikt Schaufelberger. Il vincitore fu l’allievo Martin Hättich di Sankt Märgen nella Foresta Nera. Il logo “Croce con cuore”, venne  ulteriormente sviluppato dal professore Alfred Erhard e negli anni successivi divenne il logo di molte Province dehoniane, fino ad oggi.

Il significato

A prima vista, la croce con il cuore aperto in mezzo, appare simmetrica. A un secondo sguardo emerge l’irregolarità dei quattro bracci della croce. Anche l’apertura a forma di cuore è asimmetrica. L’ effetto su colui che osserva non è statico, ma dinamico: Come se il cuore pulsasse in mezzo alla croce.

Lo sguardo sulla croce è  orientato verso il centro, il cuore. In questo modo sono espresse due priorità della vita cristiana:

  1. Il logo è un appello in favore dell’interpretazione biblica che vede nel cuore la sede della conoscenza: un forte richiamo a non trascurare le vie del cuore, al fine di conseguire una comprensione integrale della conoscenza: “Segui il consiglio del tuo cuore, perché nessuno ti sarà più fedele di lui. La coscienza di un uomo talvolta può avvertire meglio di sette sentinelle collocate in alto per spiare“ (Sir 37,13-14).
  2. La seconda priorità va direttamente al cuore della spiritualità dei Sacerdoti del Sacro Cuore di Gesù: “Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici” (Gv 15,13). Guardando la croce vediamo subito il cuore. Vediamo la sofferenza di Cristo e riconosciamo il suo amore. Il logo è realista; sì, la sofferenza, il dolore, la croce sono realtà nella nostra vita e nella vita di Gesù. Però proclamiamo una fede che non si fissa semplicemente sul dolore, la sofferenza e la croce. In mezzo alla sofferenza non vengo sommerso dal buio dell’abisso, ma scopro l’amore sempre più grande di Dio e del suo Figlio, “che mi ha amato e ha dato se stesso per me” (Gal 2,20).
  3. Dehon esprimeva tutto ciò in questi termini: “Gesù Cristo è realmente, nei suoi misteri e nella sua passione, il Libro scritto internamente ed esternamente. E quali sono le lettere che vediamo tracciate in questo Libro? Unicamente queste: Amore. I flagelli, le spine, i chiodi, le hanno scritte con caratteri di sangue sulla sua carne divina; ma non accontentiamoci di leggere e di ammirare dall’esterno questa scrittura divina; penetriamo fino al cuore, e vedremo una meraviglia ben più grande: è l’amore inesauribile e inesausto che considera un niente tutto ciò che soffre e che si dona senza stancarsi” (Oeuvres Spirituelles II, 305)

In questo logo il cuore al centro della croce non è semplicemente disegnato, ma viene costruito da uno “spazio libero”. A noi viene rivolto l’invito a riempire, con la nostra vita, questo spazio vuoto. Siamo chiamati a essere attenti all’esperienza di un Padre amorevole, che Gesù chiama ‘Abba’; attenti ad ogni esperienza di amore che sostiene la sofferenza.

Dobbiamo stare accanto agli uomini, in particolare nelle situazioni di sofferenze, violenza e ingiustizia, perché anche nella loro vita e nella società, possano trovare spazio la carità, la misericordia e la giustizia

 

Iscriviti
alla nostra newsletter

ISCRIVITI

Seguici
sui nostri canali social

 - 

Iscriviti
alla nostra newsletter