22 febbraio 2018
22 feb 2018

Missione di solidarietà per le vittime del ciclone

email email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Dal 1° al 5 febbraio, sette membri del distretto indiano hanno intrapreso una “missione di solidarietà” nella zona più direttamente interessata dal ciclone Ochki. Lo scopo della loro missione era di stare con le famiglie che soffrono ancora delle devastanti conseguenze della tempesta e ascoltare le loro storie. Fr. Michael Augustine, SCJ, rettore dello scolasticato dehoniano in Eluru, ha scritto della loro esperienza. Quanto segue è tratto dalla sua relazione:

IND cyclone

Ieri (3 febbraio), l’intera giornata è stata dedicata all’incontro con le famiglie colpite e all’ascolto delle loro storie dolorose e, soprattutto, per estendere la nostra solidarietà umanitaria. Le lacrime scorrevano dai loro occhi mentre cominciavano a condividere il loro dolore. Tutto quello che potevamo fare era stare con loro, ascoltare i loro racconti di dolore e estendere il nostro sostegno morale. Siamo stati in grado di spendere circa 20-30 minuti con ciascuna delle famiglie cercando di dare loro tutto il tempo necessario.

Abbiamo visitato 12 famiglie ad Adimalathura, la città natale di uno dei nostri studenti, fr. Tommaso. Suo fratello, Shiluvaiyan, di 25 anni, fu uno di quelli soccorsi il terzo giorno dopo il ciclone. Per noi è stato emozionante vedere le mogli senza marito, i figli senza padri, persone care senza i loro capifamiglia che sono stati consumati dalla furia della tempesta e da potenti onde il 29 novembre 2017.

Il parroco di Adimalathura, Rev. P. Jerald, ci ha detto che i governi centrali e statali hanno fatto alcune cose, ma non abbastanza da alleviare il dolore lancinante della gente. Da parte della Chiesa cattolica, l’arcidiocesi di Trivandrum ha dato un aiuto materiale agli interessati. La Chiesa ha anche fatto appello ai funzionari del governo per venire in aiuto di coloro che ne hanno più bisogno.

Quasi un mese dopo la tempesta, sono stati trovati nove corpi, identificati con l’aiuto dei test del DNA e sottoposti a una sepoltura cristiana. L’ubicazione di altri è ancora sconosciuta.

Ventinove pescatori sono stati salvati e riportati a casa sani e salvi, ma devono ancora riprendersi dallo shock e dal trauma del loro calvario e non sono in grado di tornare in mare per continuare il loro unico mezzo di sostentamento. La Chiesa locale ha organizzato sessioni di consulenza e vari aiuti spirituali per aiutare nella loro riabilitazione. Questi uomini non sono in grado e non vogliono dire nulla di quello che è successo loro in quel fatidico giorno, o dei loro compagni che hanno visto morire davanti ai loro occhi in mezzo al mare. Coloro che sono sopravvissuti sono perseguitati dall’impotenza che sentivano.

Le nostre comunità locali dehoniane – come gruppo e come individui – hanno raccolto denaro per assistere le vittime.

Fr. Sunil e p. Abraham dal Kerala hanno recentemente visitato le famiglie colpite a Poonthura e Adimalathura.

Per noi che abbiamo intrapreso questa missione di solidarietà con il sostegno, l’incoraggiamento, le preghiere e l’aiuto di tutti i confratelli del distretto, ci ha dato il senso di ciò che significa essere al servizio degli afflitti e dei bisognosi e fare ciò che il nostro fondatore, P. Leon John Dehon, ha voluto che noi facessimo e fossimo.

Siamo con un cuore e mente aperti,

P. Michael Augustine, SCJ, Fr. Thomas Raj, SCJ, Libin Paulos, SCJ,

Johnson Francis, SCJ, Alex John, Sajith Pillai, SCJ e Mahesh Gotikala, SCJ

CDN Solidarity Mission Team

Articolo disponibile in:

Iscriviti
alla nostra newsletter

ISCRIVITI

Seguici
sui nostri canali social

 - 

Iscriviti
alla nostra newsletter