09 dicembre 2017
09 dic 2017

Seconda domenica di Avvento

di  Quang Nguyen, scj

email email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Nelle letture di oggi ascoltiamo il consiglio che ci danno il profeta Isaia e Giovanni Battista: “preparate la via del Signore”. Ma cosa davvero dobbiamo preparare? Gesù non è già arrivato più di 2000 anni fa? Sì, ma anche se Gesù è già arrivato “là fuori”, non è ancora stato pienamente ricevuto nel cuore di molti. Quindi, come ci prepariamo davvero a ricevere il Signore dentro di noi – nel nostro cuore?

avvento 2-domenica

Attraverso l’incarnazione, Gesù non si limita solo a garantire la nostra salvezza; egli stesso ci conduce a quella salvezza. Ma, dato che Dio non è stato pienamente ricevuto nei nostri cuori, forse il sentiero che conduce a Lui in alcuni di noi ha bisogno di riparazioni, ed è ancora “in costruzione”. Mentre ascoltiamo l’invito del profeta Isaia e di Giovanni Battista in questa seconda settimana di Avvento, non è forse il momento più opportuno per noi di riflettere per vedere se ci sono ostacoli sul nostro cammino, chiedendoci se non sia necessaria una costruzione o un aggiustamento della strada? Quali sono gli ostacoli che potremmo incontrare e che devono essere rimossi?

Potremmo dover superare il risentimento radicato, l’insuccesso persistente, la difficoltà a perdonare, la scorrettezza nei rapporti con gli altri o un atteggiamento di arroganza. Potremmo essere governati dall’orgoglio, dalla lussuria o dall’insaziabile desiderio di possedere.

Inoltre, poiché il nostro cuore potrebbe non essere completamente aperto per ricevere il nostro Salvatore, è possibile che siamo “ciechi” verso la bontà visibile che ci circonda? Ci ha lasciato con occhi e cuori impreparati e incapaci di riconoscere o accogliere Dio che dimora in mezzo a noi, dove è sempre stato, mostrandosi a ciascuno di noi nei modi più diversi. Di conseguenza, siamo molto contenti di appartenere a gruppi che hanno creato ostacoli, come politiche abitative inique, disparità occupazionale, ingiustizie economiche, pregiudizi razziali ed etnici. È tutto questo ciò che Isaia e Giovanni Battista ci chiedono di riparare.

Cosa stiamo facendo per riparare queste strade?

Articolo disponibile in:

Iscriviti
alla nostra newsletter

ISCRIVITI

Seguici
sui nostri canali social

 - 

Iscriviti
alla nostra newsletter