02 agosto 2017
02 ago 2017

Vietnam un anno dopo

email email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

VIE-1-y-later 1

Il 12 agosto il Distretto del Vietnam celebrerà la prima ordinazione di un SCJ all’interno del distretto stesso. Fino ad ora, tutte le ordinazioni sono state fatte al di fuori del paese, spesso nelle Filippine, dove molti Dehoniani vietnamiti hanno fatto la formazione e percorso accademico.

“Stiamo crescendo come un distretto e una parte di quella crescita significa essere più accettati dal governo e dalla Chiesa in Vietnam”, ha detto il p. Francis Vu Tran SCJ, superiore del distretto. Ha aggiunto che tale accettazione è ciò che permette ora l’ordinazione diaconale nel paese.

Il 12 agosto sarà anche un giorno significativo per p. Francis; sarà l’anniversario del primo anno della sua installazione come superiore. Cittadino statunitense originario del Vietnam, a p. Francis è stato chiesto da p. Heiner Wilmer SCJ, superiore generale, di tornare nel suo paese di origine per sostenere il giovane distretto. Poco dopo fu nominato come suo secondo superiore, succedendo a p. Rino Venturin SCJ, che ha guidato il distretto fin dai suoi inizi nel 2013.

Nell’arco di un anno molto è cambiato nel distretto. Un programma di filosofia è stato avviato in Vietnam che consente ora ai candidati SCJ di fare i loro studi nel distretto invece di andare nelle Filippine. Questo non è un compito facile in un paese in cui i programmi di filosofia della pre-teologia sono a portata di mano. Gli studenti del distretto sono divisi tra quattro scuole perché non c’è spazio per tutti in un unico programma. È una sfida, ma p. Francis ha detto che il beneficio è che “è un modo per rendere la congregazione più conosciuta alla comunità ecclesiastica in Vietnam”.

Con l’aiuto della Provincia degli Stati Uniti, in particolare, con un dono del patrimonio di p. Michael Burke, SCJ, la prima casa comunitaria del distretto si sta espandendo per creare una cappella e più spazio a disposizione per gli studenti della filosofia.

Il distretto ha aperto quest’anno la sua terza comunità, Dehon House III. Si trova nella diocesi di Phu Cuong. Questa è una casa per giovani collegiali che vogliono fare un discernimento sulla vocazione con la congregazione. Vivono in comunità mentre si preparano agli esami di ammissione per la filosofia. In generale, gli studenti non sono ammessi alla formazione fino a quando non hanno conseguito un diploma di laurea.

VIE-1-y-later 2

Dehon House III è anche la base per un nuovo ministero nel distretto: il lavoro pastorale presso la parrocchia di Bung, una delle più grandi parrocchie della diocesi.

In molti modi, l’obiettivo dell’ultimo anno è stato quello di portare il distretto al suo livello successivo, aiutandolo a maturare oltre i primi anni come piccolo sforzo missionario. Con tre comunità, ci sono ora tre squadre di leadership locali, tre superiori locali. L’autorità non è più tutta nel superiore del distretto.

In futuro, p. Francis vede la congregazione assumere incarichi missionari all’interno del paese, andando in aree del Vietnam dove la presenza della Chiesa è più necessaria. Già il vescovo di Phu Cuong ha chiesto agli SCJ di prendere in considerazione l’invio di personale in due parrocchie vicino al confine cambogiano.

“Sarebbe bene per noi essere lì, è difficile trovare sacerdoti per il ministero alle parrocchie”, ha detto p. Francis. “Ma dobbiamo aspettare di avere qualche SCJ in più pronto con l’esperienza di cui hanno bisogno”.

Essendo un distretto giovane, pochi SCJ vietnamiti hanno avuto esperienza pastorale. E poiché la formazione per molti è stata fatta fuori dal paese, sono ancora meno le persone che hanno esperienza pastorale in Vietnam.

Ma il distretto sta maturando , così anche il suo programma di formazione. L’anno prossimo le prime professioni saranno effettuate in Vietnam invece delle Filippine; anche chi farà i voti permanenti lo farà in Vietnam.

Fr. Loc, membro del Distretto vietnamita che sta studiando a Roma, si presenta all’inizio della sessione ESL estiva.

Fr. Francis sottolinea che la mossa per portare la formazione in Vietnam non è un segnale di volersi isolare. Insieme a una formazione ampliata all’interno del distretto, è desiderio di p. Francis per i religiosi vietnamiti anche di sperimentare la congregazione oltre il Vietnam, oltre l’Asia. “Voglio che noi del distretto viviamo veramente il “Noi Congregazione”, ha detto. “Siamo Dehoniani, membri di una congregazione religiosa internazionale; non siamo solo i Sacerdoti del Sacro Cuore in Vietnam”.

Il distretto vietnamita sta sviluppando rapporti con altre entità in modo che i suoi studenti e giovani religiosi possano fare esperienze di ministero e studiare in tutto il mondo. Quest’estate sei studenti del distretto sono nel programma ESL al Seminario Sacro Cuore e alla Scuola di Teologia. Fr. Francis ha trascorso gran parte di giugno e luglio ad Hales Corners come supporto agli studenti.

Il distretto sta sviluppando anche rapporti con i benefattori per potersi dirigere verso l’autonomia finanziaria. È stato nominato il primo direttore della raccolta fondi del distretto; inizierà a creare un ufficio di sviluppo durante il prossimo anno. La raccolta di fondi in Vietnam trova successo in relazioni uno-a-uno. I benefattori si sono già fatti avanti per aiutare gli studenti attraverso donazioni di pesce, verdure e riso. Anche il sapone per le comunità è fornito da benefattori.

VIE-1-y-later 3

Un cambiamento di direzione

“Ecce venio” [vengo per fare la tua volontà] è ciò che p. Francis spesso dice quando gli si chiede della sua presenza in Vietnam. “È stata una sorpresa per me quando p. generale mi ha chiesto di prendere in considerazione questa eventualità”, ha detto riguardo il suo ritorno in Vietnam l’anno scorso. “Stavo preparando a completare la mia tesi di dottorato, mi aspettavo di servire in un seminario, molto probabilmente il Seminario del Sacro Cuore.Cio ha rivoltato completamente la mia vita a testa in giù”.

Ma durante l’anno scorso ha trovato che un cambiamento involontario nella direzione può essere una buona cosa. Egli ammette che andare in Vietnam lo ha portato fuori dalla sua “zona comfort”, letteralmente e figurativamente. Tuttavia, gli ha anche aperto molte opportunità. A partire dal prossimo anno insegnerà corsi di Scrittura presso l’Università Cattolica di Saigon e presso il Seminario Maggiore di Saigon (Ho Chi Minh City). Gran parte del suo tempo questa estate è trascorsa in preparazione per quei corsi.

“In Vietnam vi sono pochissimi materiali teologici”, ha detto. “Sto mettendo insieme tutte le risorse per le mie lezioni mentre sono qui”. È più difficile prepararsi per i suoi primi incarichi di insegnamento in Vietnam di quanto non lo sarebbe stato nella Provincia degli Stati Uniti. “Ma mi costringe ad essere creativo”. E ciò egli lo vede come un’opportunità. “È una buon sfida per me dal punto di vista accademico”.

Mentre negli Stati Uniti questa estate p. Francis ha lavorato anche per completare i propri studi, che includono la sua tesi di dottorato. È candidato al dottorato in Scrittura presso l’Università Pontificia Gregoriana di Roma. Fr. Francis intende completare la sua tesi nel 2018 e difenderla nel 2019.

Prega per noi

Quando gli è stato chiesto di chiudere con un commento sul Vietnam, e sul suo primo anno come superiore del distretto, le parole di p, Francis sono state, semplicemente:

“Prega per noi. Prega che noi – come una congregazione – possiamo seguire la missione che lo Spirito ci ha invitato a compiere attraverso il carisma del nostro fondatore, p. Leone John Dehon “.

Articolo disponibile in:

Iscriviti
alla nostra newsletter

ISCRIVITI

Seguici
sui nostri canali social

 - 

Iscriviti
alla nostra newsletter