21 September 2017
21 Sep 2017

Il P. Generale visita i Dehoniani in Ucraina

di  Maciej Kopczyński, scj

email email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

UKR visita-can_2017_1

Dal 9 al 12 settembre 2017, il padre generale, Heiner Wilmer SCJ, ha visitato la comunità territoriale di Ucraina. Ad accompagnarlo è stato il consigliere generale padre Artur Sanecki SCJ.

UKR visita-can_2017_5

Il Superiore ha visitato la nostra comunità a Pershotravensk, dove ha conosciuto l’avanzamento dei lavori di costruzione (compresa la casa comunale e la chiesa) del complesso di Irpin, vicino a Kiev, e ha visitato la maggior parte delle parrocchie in cui i Dehoniani svolgono la loro attività. Ognuno dei confratelli ha avuto l’occasione per una conversazione personale con il P. Generale, durante la quale poteva presentare le proprie intuizioni e riflessioni sul nostro attuale e futuro impegno nei confronti del popolo, della Congregazione Dehoniana e della Chiesa Ucraina.

UKR visita-can_2017_6

Al termine della visita, si è svolta una Santa Messa e un incontro di tutta la comunità ucraina con il Superiora Generale. Durante la riunione sono state redatte le linee guida per l’Assemblea in Ucraina per il futuro prossimo e lontano.

UKR visita-can_2017_4

Sette confratelli della Polonia e un SCJ locale stanno attualmente lavorando in Ucraina. Il lavoro consiste principalmente nel ministero parrocchiale, che contemporaneamente comprende una varietà di lavori per i poveri, i malati e le persone bisognose. Sotto la cura dei Dehoniani ci sono 15 parrocchie che coprono oltre 30 borghi e una città. Questi sono abitati per la maggior parte da diverse popolazioni religiose (ortodossi, non credenti, cattolici, protestanti, seguaci delle sette).

UKR visita-can_2017_3

Oltre al lavoro parrocchiale, i confratelli insegnano religione, conducono ritiri, sviluppano l’apostolato giovanile e insegnano nel seminario.

Nel complesso emergente di Irpin, una città in via di sviluppo dinamica con diversi istituti di istruzione superiore, si prevede un dormitorio per circa 20 studenti poveri con la possibilità di una periodica formazione alla vocazione durante le vacanze.

Articolo disponibile in:

Iscriviti
alla nostra newsletter

ISCRIVITI

Seguici
sui nostri canali social

 - 

Iscriviti
alla nostra newsletter