01 marzo 2022
01 mar 2022

In diretta da Ucraina e Polonia

In diretta dall’Ucraina e dalla Polonia, i dehoniani raccontano la guerra e l’aiuto ai profughi.

di  Roman Gorincioi, scj

email email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

10.05.2022 Medicinali dalla Germania all’Ucraina

Padre Jan Podobiński SCJ è molto grato. Una partita di medicinali è arrivata dalla Germania a Pierszotrawieńs. Parte delle medicine e del materiale di medicazione sono stati immediatamente consegnati ai soldati al fronte. L’altra parte è stata ricevuta con gratitudine dall’ufficio locale della Croce Rossa ucraina.
Con questa grande quantità di aiuti, le persone bisognose e in ospedale saranno sostenute.
Le medicine sono state fornite da Medeor.
Molte grazie a P. Gerd Hemken SCJ e alla comunità italiana di Freiburg dalla Germania che hanno organizzato questo aiuto.

6.05.22 ricostruire Irpien

Questa è la situazione attuale a Irpień, vicino a Kiev, dove i sacerdoti del Sacro Cuore guidano una parrocchia. Nella casa dei sacerdoti, solo una finestra è stata danneggiata da un frammento di granata. I muri della chiesa (in costruzione) sono intatti.

Dal nostro punto di vista possiamo dire “Grazie a Dio”, ma la tragedia è degli abitanti di questa città è enorme.

I residenti stanno tornando in città, le reti stradali sono state ripristinate e i negozi stanno aprendo. Comunque, è difficile stimare quanto ha la piccola comunità cattolica di Irpien. (Padre Piotr Chmielecki SCJ)

01.04.22 Tempo di Pasqua in Ucraina.

C’è una guerra in Ucraina. La gente muore, muore di fame, si ammala…
Ciononostante, si celebra la liturgia pasquale.
Nella chiesa di Pierszotrawieńsk Sacro Cuore/preti, parrocchiani, anziani e giovani cantano insieme i canti di Pasqua e ascoltano la Buona Novella. Pregare per la pace.
Cristo è risorto dai morti! Cristo ha vinto la morte.
La notizia gioiosa si legge nei volti della gente:)

22.04. 22 Dehoniani in Ucraina ringraziano per la solidarietà

P. Andrzej e altri dehoniani sono molto grati per gli aiuti. Scrive: Abbiamo ricevuto aiuto da Austria!! Grazie mille al Signore e alla gente !!!!
P. Piotr Chmielecki SCJ scrive: “La mia avventura con la consegna degli aiuti umanitari in Ucraina è terminata a Lublino. Abbiamo raccolto doni dalla parrocchia della Beata Vergine Maria, Madre della Chiesa e di Santa Barbara a Bełchatów (parrocchia dei sacerdoti del Sacro Cuore), cose dall’Austria, dalla signora Figiel Barbara. Abbiamo fatto acquisti in un grande negozio, e grazie alla Caritas dell’Arcidiocesi di Lublino siamo riusciti a riempire lo spazio di trasporto rimanente.
Che Dio vi benedica e vi guidi a casa sani e salvi!

19.04.22 Come hanno celebrato i dehoniani la Pasqua in Ucraina?

Il Sabato Santo abbiamo organizzato un’azione “Evangelizzazione e Carità”. Insieme a Sergei (studente di medicina di Kiev) e ai volontari locali, siamo andati a visitare i rifugiati a Pershotravensk. Abbiamo parlato loro delle celebrazioni pasquali [nella Chiesa Cattolica del Rim], abbiamo portato gli auguri di Pasqua e i regali. Abbiamo visitato famiglie in grande difficoltà, provenienti da Bucza, Borodianka, Kharkiv, Mariupol. Alcune persone non hanno più nulla, sono senzatetto. Nonostante tutto, l’atmosfera delle incontri era gioiosa. Auguri e regali sono stati accettati con gratitudine!

12.04.22 Dehoniani accanto alla gente

Ho visto la guerra per la prima volta. Ci sono edifici residenziali bombardati e un ospedale distrutto a Żytomierz. C’è un’unità militare a 300 metri, probabilmente è lì che dovevano cadere i missili…
Lo scopo della nostra visita a Żytomierz era la liturgia del crisma, che viene celebrata due volte nella diocesi di Kiev-Żytomierz. Durante l’omelia, le sirene hanno suonato in chiesa, ammetto che si vive la guerra diversamente dal vivo che davanti alla TV…. Il Vescovo nella sua omelia ha parlato anche del parroco Tadeusz Wołos SCJ – il parroco del Sacro Cuore di Irpień che è rimasto con i suoi parrocchiani durante le battaglie più dure per la città. (P. Piotr Chmielecki SCJ).

12.04.22 Rimanere umani a Perszotravensk

La mattina, abbiamo trasportato gli aiuti umanitari al “Centro dei volontari”, che si trova nell’edificio dell’amministrazione locale di Perszotravensk. I rifugiati che cercano aiuto lì si occupano anche di questioni ufficiali, per esempio cercano di rinnovare i documenti persi. Sul posto, ho incontrato alcune energiche signore che smistano le donazioni e aiutano le persone.
L’aiuto è destinato ai rifugiati interni, di cui ci sono quasi 600 a Perszotravensk (ci sono circa 2.000 residenti permanenti a Pirwszotravensk). Tutti i rifugiati sono in appartamenti privati! I pacchetti sono anche per i “ragazzi”, cioè gli uomini locali che vengono chiamati per l’esercito. Tra le altre cose, hanno ricevuto vestiti termici, medicine e bende.
Abbiamo incontrato molti rifugiati lì, tra cui il signor Anatilij di Bucza (nella foto con il sacerdote Jan Podobiński), la cui casa è stata colpita da un proiettile e “si è spaccata completamente”. Abbiamo anche scambiato alcune frasi nella famiglia di Mariupol, hanno perso assolutamente tutto… Era persino difficile chiedere loro qualcosa di specifico per non farli soffrire ancora di più 😢. (P. Piotr Chmielecki SCJ)

11.04.22 Domenica delle palme a Perszotravensk

Gli aiuti umanitari sono stati ricevuti (quasi tutti) a Perszotravensk nella regione di Zhytomyr. “Quasi tutti”, perché i carabinieri e i militari della difesa territoriale hanno chiesto… acqua e zucchero
Ieri p. Jan Podobiński e p. Andrzej Sobieraj hanno celebrato la solenne liturgia della Domenica delle Palme. Fr. Andrzej ha festeggiato anche il suo compleanno e in regalo dalla gente ha ricevuto: una preghiera 🙏, auguri 🎉, cioccolatini 🍫 e un inno dell’Ucraina cantato a squarciagola. (misjesercanow.pl – zbieramto.pl)

7.04.22 Irpien viene ripulita.

Oggi, con l’aiuto di circa 300 volontari e 20 unità tecniche, i nostri servizi di sicurezza hanno ripulito circa il 20% delle strade di Irpien. All’inizio, le strade erano ordinate. In modo che potessero essere guidati. Più avanti, le rovine delle case saranno rimosse.

06.04.22 La vita dei profughi in Polonia

A causa della situazione di guerra ancora dinamica in Ucraina e del crescente numero di rifugiati che arrivano in molte città  la nostra congregazione a Koszyce Małe vicino a Tarnów ha messo una parte del nostro monastero a disposizione dei rifugiati dall’Ucraina. L’accoglienza dei gruppi di pellegrini è stata sospesa per dare alloggio a chi ne ha bisogno. Attualmente ci sono quasi 20 persone, soprattutto madri con bambini (il più piccolo ha nove mesi). C’è anche una coppia di anziani in Has.

Coloro che vengono nella nostra casa di Koszyce esprimono sempre la loro gratitudine. La gratitudine è tanto più grande perché non si aspettavano dei cuori così aperti. “Dall’inizio del loro soggiorno sotto il nostro tetto – come dice il direttore della casa di ritiro di Koszyce Małe, P. Dr. Damian Płatek SCJ – gli ospiti molto spesso dicono la parola – grazie!”. Ma anche la domanda – quanto tempo possiamo restare qui?”. Sono molto riconoscenti per il fatto che abbiamo dato loro una casa e si impegnano molto: Come cattolici, sono presenti alla funzione domenicale nella chiesa parrocchiale gestita dal Sacro Cuore. Durante il servizio, hanno letto letture in ucraino.
Le signore hanno preso l’iniziativa di cucinare. Hanno distribuito i loro turni tra di loro. Hanno pulito tutta la casa e fatto il bucato. Aiutano nel giardino accanto alla casa.
Grazie all’iniziativa del gruppo locale di anziani, le signore hanno imparato a come si fanno le palme di Pasqua. Il reddito delle vendite va alle loro necessità. L’unico signore che viveva nel monastero del Sacro Cuore a Koszyce Małe ha trovato lavoro nel settore delle costruzioni.

Le signore hanno anche iniziato a cercare lavoro nelle loro professioni. Una lavora come infermiera e un’altra come estetista. Hanno anche iniziato a imparare il polacco per comunicare meglio. I bambini, a loro volta, hanno frequentato le scuole locali per alcuni giorni.

Una donna ucraina che vive a Koszyce da molti anni e aiuta i rifugiati con l’integrazione, la traduzione e la registrazione è di grande aiuto. È fortemente coinvolta in tutti i fronti locali, soprattutto nella traduzione. Questo è un grande aiuto per i rifugiati di Koszyce.
Ringraziamo Dio per tutta la solidarietà e la fratellanza che stiamo vivendo attualmente su molti fronti. (P. Damian Płatek SCJ)

05.02.22 Preghiera e benedizione dei bambini

In Pirwszotrawiensk preghiera e benedizione dei bambini. Con la liberazione di Kiev ci sentiamo più sicuri. Vi è più speranza per gli Ucraini, nonostante le orribili scene di crimini di guerra.

03.04. 22 Cosa è successo ora a Irpien?

Dal drone si può vedere come era la città.
Ora è libera. Ma molti edifici sono stati distrutti.
Molti vogliono che questa guerra finisca.
Che sia possibile aiutare i poveri.
Sempre più persone stanno morendo di fame ora in Ucraina.
Questo paese è considerato uno dei più poveri del mondo.
Nessuno vuole che l’Ucraina sia sola con questi problemi.

29.03.22 Irpin libera!

Il 33° giorno di resistenza del popolo ucraino sta per concludersi.
La situazione sui fronti si è praticamente stabilizzata. Sembra che i soldati russi non abbiano davvero le risorse per riprendere le operazioni offensive cruciali.
Per la gioia degli abitanti dell’Ucraina, Irpen – la porta di Kiev è di nuovo libera. La gente ha speranza.
Molti hanno parlato della possibilità di tornare a casa, perché la città, che era sulla strada per Kiev, è di nuovo libera.
Ma i militari avvertono. Dicono che la guerra non è ancora finita. In città è ancora pericoloso tornare.
La gente prega per la pace.
Cosa vi invitiamo a fare: pregare per la pace!

25.03.22 A colloquio con p. Andrzej da Pierwszotrawieńsk

Come si sentono i Sacerdoti del Sacro Cuore (dehoniani)?

Andrzej > Al momento la situazione peggiore è quella di P. Tadeusz Wołos SCJ a Irpien vicino a Kiev. Pierwszotrawieńsk non è bombardata. La situazione è stabile. Ma c’è incertezza perché la guerra continua. C’è incertezza sul domani. Siamo con il popolo in preghiera. Molte persone vengono a messa, per adorare. Preghiamo per la pace. Molti vanno a confessarsi. Stiamo anche cercando aiuto per aiutare chi ne ha bisogno.

Cosa è necessario?

Soprattutto vestiti, scarpe, cibo, articoli medici, cibo per bambini, prodotti per l’igiene (saponi, shampoo, pannolini). Bisogna capire che la gente a volte si rivolge agli sconosciuti a mani vuote. Fuggono dalla dura guerra. Privi di cose da portare con sé, senza il necessario, senza igiene personale.

Come vengono trasportate le cose?

A volte abbiamo preso delle cose dalla frontiera. L’ultima volta gli aiuti sono stati trasportate a Pliszczyn, vicino a Lublino. Siamo andati tre volte a Pliszczyn a prendere le nostre cose. Il trasporto in questo momento è molto importante. Al momento abbiamo bisogno soprattutto di carburante e di denaro per il carburante.

Dove saranno trasportate le cose?

Gli aiuti sono trasportati a Pierwszotrawiensk (regione di Zytomir). Qui vi è una stazione intermedia. Disimballiamo le cose qui. Controlliamo quello che abbiamo ricevuto. Poi andiamo a Zytomyr e a Kiev. Oggi abbiamo anche consegnato gli aiuti a Kharkiv. Prima di tutto diamo aiuti alle zone di guerra. In questo i volontari ci aiutano. Qui  vi sono15 persone.

Per chi sono prima di tutto questi beni di soccorso?

Queste cose a Pierwsyomaisk sono principalmente per i rifugiati. Per la gente di Kiev e Kharkiv. Cioè, per le persone dei luoghi più colpiti dalla guerra. Per coloro che sono scappati da casa e hanno lasciato tutto.
Quando una famiglia viene da noi, gli diamo un pacchetto di aiuti che contiene tutto ciò che è più urgente: Cibo, vestiti, prodotti per l’igiene.

Oltre a questo, gli anziani e le persone sole sono particolarmente bisognosi. Anche in zone dove non c’è la guerra. Anche qui a Pierwsyotrawiensk gli anziani e le persone sole vivono senza pensione. Spesso manca a loro il necessario per vivere.

24.03.22 Irpin: P. Tadeusz Wolos rimane e i russi saccheggiano la città

Nella nostra parrocchia di Irpen, P. Tadeusz Wolos è ancora lì.
I media dicono che i russi sono bloccati vicino a Irpen, che stanno saccheggiando case e negozi.
P. Andrzej, come potete vedere dalle foto, sta trasportando sempre più aiuti a Pierszotraviensk e poi nelle zone di guerra. Potete vedere che stanno arrivando sempre più aiuti all’Ucraina.
Tutti pregano per la pace in Ucraina.

23.03.22 Profughi ucraini accolti in Polonia

La guerra in Ucraina va avanti da quasi un mese. Ogni giorno il campo di battaglia si espande e sempre più persone fuggono dai bombardamenti. Tuttavia, la vita deve andare avanti, nonostante i combattimenti dall’altra parte del nostro confine orientale. Anche qui – nelle nostre comunità del Sacro Cuore dove molti rifugiati sono stati assistiti – la vita continua. In dieci dei nostri monasteri (si tratta di due case a Varsavia e due a Cracovia, l’H’user a Stadniki, Węglówka, Koszyce Małe, Glisne, Pliszczyn, Kluczbork) ci sono attualmente oltre 117 persone, tra cui 58 bambini. Secondo P. Witold Januś SCJ – Coordinatore per i rifugiati della Provincia polacca dei Sacerdoti del Sacro Cuore, questo numero sta crescendo ogni giorno.

Le famiglie ucraine non solo hanno trovato rifugio nelle case del Sacro Cuore, ma anche – come nel caso della parrocchia di Bełchatów – 45 persone sono ospitate dalle famiglie della parrocchia. Alcune delle persone ospitate nei nostri monasteri lavorano da tempo, i bambini hanno trovato posto in asili nido, scuole materne e scuole. Di giorno in giorno, poche o decine di persone vengono nei singoli monasteri. Alcuni di loro hanno intenzione di rimanere più a lungo. Per molti, si tratta di un soggiorno temporaneo sulla strada verso altri luoghi di cura.

Oltre alla nostra provincia polacca, si sono unite a noi altre sette province SCJ di altri paesi. I rappresentanti dei movimenti, delle comunità e dei laici partecipano anche ad una serie di attività di soccorso per le persone legate alle nostre singole comunità (in ogni provincia – sia in patria che all’estero). Preparano trasporti di cibo, medicine e prodotti per la pulizia. Anche i membri di alcune case religiose o i sacerdoti Amici del Sacro Cuore (parrocchiani e volontari) aiutano distribuendo pasti e pacchi, assistendo nella cura dei bambini e organizzando attività educative e ricreative per loro. Qui si organizzano corsi di lingua (soprattutto inglese o polacco). L’aiuto legale e psicologico è offerto in diversi centri. Gli ucraini possono contare su un aiuto per ottenere i documenti necessari per accettare un lavoro, vivere in modo indipendente o ricevere i benefici in tempo.

21.03.22 P. Piotr Kuszman SCJ dalla Transnistria

La Parrocchia della Chiesa Cattolica Romana “della Santa Trinità” offre sostegno ai rifugiati. Sono stati comprati cibo e articoli per l’igiene per i bisognosi, e dolci per i bambini.I cattolici della Transnistria continuano a fornire assistenza ai cittadini dell’Ucraina.

19.03.22 Siergiej Babic: Grazie mille per la vostra presenza e la vostra preghiera.

Buona sera tutti.
Vi ringrazio per la vostra preghiera, perché questo è il mezzo più importante per trovare la pace. Purtroppo sapete che la mia patria è stata attaccata in modo brutale. Veniamo sterminati dai russi per un solo motivo perché siamo ucraini e L’Ucraina esiste. La mia storia è uguale a tante altre storie. Sono andato via da Irpin città verso nord ovest di Kiev per dare una mano alla Croce Rossa Ucraina, perché anche sono studente di medicina. Li a Irpen si trova la nostra parrocchia, dove abitavano alcuni studenti. Giorno dopo giorno questi poveri cittadini soffrono in modo terribile sotto le bombe. Non c’è acqua, però c’è la fonte dell’acqua della vita. Niente elettricità, però c’è l’energia fortissima della libertà e solidarietà. Niente riscaldamento, però c’è il fuoco della speranza. E non è normale che giovani devono morire per una guerra assurda. Noi dobbiamo viaggiare per rimanare in vita. E potreste venire qua per vedere come fantastica è la mia patria. Io invece potrei fare un’amicizia con voi è così.
Per finire la mia storia per finire il mio racconto vorrei leggere le parole dal libro dei profeta Geremia: Benedetto l’uomo che confida nel Signore
e il Signore è sua fiducia.
Egli è come un albero piantato lungo l’acqua,
verso la corrente stende le radici;
non teme quando viene il caldo,
le sue foglie rimangono verdi;
nell’anno della siccità non intristisce,
non smette di produrre i suoi frutti.
Grazie mille per la vostra presenza e la vostra preghiera.
Siamo forti e siamo vicini.

Ciau.

18.03.22 – Aiuti umanitari dal confine polacco-ucraino

I Dehoniani di Pierszotrawieńsk hanno organizzato un trasporto di aiuti umanitari dal confine polacco-ucraino.
Gli aiuti umanitari, compresi cibo e prodotti medici, coperte, sacchi a pelo e vestiti, saranno trasferiti nei luoghi più colpiti dalla guerra, ovvero nelle vicinanze di Kiev, Irpień, Zytomiez e Nowograd Wolynski.

17.03.22  p. Slawomir Czulak SCJ per Ucraina

Il parroco di Millstätter Slawomir Czulak SCJ ha suscitato un’ondata di disponibilità ad aiutare l’Ucraina con un appello alle donazioni. Il cinquantaduenne consegna regolarmente aiuti alla Polonia e all’Ucraina.
“Le immagini dall’Ucraina ci hanno colpito. Molte persone non vogliono stare a guardare e organizzano varie azioni di soccorso per coloro che resistono nelle città bombardate in Ucraina e per coloro che stanno fuggendo. La canonica di Millstatt è piena di aiuti! Oggi il terzo grande camion andrà in Polonia, dove un gran numero di rifugiati sta cercando protezione”, dice Slawomir Czulak, che, come riportato, ha suscitato un’ondata di disponibilità ad aiutare con un appello per le donazioni su Facebook. “Tutta la città Oberkärnten porta le donazioni a noi a Millstatt”, dice il sacerdote, che si reca nel suo paese natale quasi ogni due giorni per aiutare.
Anche il suo ultimo post su Facebook chiede aiuto:
“AGGIORNAMENTO: Domani alle 11 un altro grande trasportatore verrà a Millstatt per portare le donazioni in Polonia. Chiunque abbia il tempo e la voglia di aiutare con il carico è il benvenuto! GRAZIE!” (https://www.facebook.com/profile.php?id=100009901117437 )

16.03.22 P. Andrea Sobierai dall´ Ucraina

Salve!
Il mio nome è padre Andre.
Sono un sacerdote appartenente alla Congregazione del Sacro Cuore e vorrei dire qualche parola.

All’inizio mi scuso che il mio tedesco non è buono, perché dopo 30 anni non ho fatto niente [imparato]. Ma ora sto cercando di spiegare un po’ la situazione qui in Ucraina.
Siamo della parrocchia e del monastero dei sacerdoti del Sacro Cuore di Pierwszotrawiensk. Lo facciamo per [i poveri]. <distribuiamo aiuti in Ucraina, dove la gente soffre molto e  dove c’è molto bisogno.

Qui stiamo un po’ meglio rispetto al resto del paese.
Qui abbiamo il riscaldamento, abbiamo il cibo e tutto ciò di cui abbiamo bisogno per una vita normale.

Qui si tratta di aiuti umanitari. Siamo aiutati dai trasporti umanitari dalla Polonia.
(Da Laban, Da Krosno Olszanskie).

Dalla Germania abbiamo ricevuto aiuto da Augsburg. Da Padre Robert Gran. Da Austria da Padre Vögel. Dalla parrocchia di Harzkirchen da padre Gregor. Vorremmo ringraziarvi molto per tutto l’aiuto [inviato] a noi, perché l’aiuto non rimane con noi.
Lo inviamo dove c’è urgente bisogno di aiuto.

Anche le persone ci aiutano, i volontari della parrocchia.

Grazie per il breve discorso, l’intervista. Vi auguriamo tutto il meglio e vi ringraziamo per gli sforzi che tutta l’Europa occidentale [sta] facendo. L’obiettivo è quello di porre fine a questa terribile guerra.

15.03.22 Palme di Pasqua

Notizie dalla Polonia.
Tutta la Polonia sta accogliendo i rifugiati. Le persone qui sono coinvolte in diverse forme . C’è solo un desiderio, che i rifugiati dimentichino la guerra. Che si sentano a casa qui. Che ci sia un contatto con loro.
In uno dei nostri monasteri si svolgono attività molto interessanti.
A Koszice Małe, il nostro monastero del Sacro Cuore ha accolto un gruppo di rifugiati di guerra dall’Ucraina. A partire da domani, le signore del club degli anziani vi insegneranno a fare le PALME DI PASQUA con carta velina blu e gialla. Queste sono donazioni a sostegno dell’assistenza che i vigili del fuoco volontari (vigili del fuoco volontari) stanno fornendo all’Ucraina. Sono disponibili durante la Quaresima dopo le Messe domenicali. Sarà un aiuto per i rifugiati stessi, per bambini e adulti. Possono sentirsi in colpa perché sono già al sicuro e i loro parenti vengono lasciati in Ucraina. Essendo lontani dai loro mariti e padri, figli maggiori e fratelli, possono aiutarli in questo modo. Questo crea una comunità, anche con la comunità locale, perché faranno queste palme insieme.

13.03.22 – Messa con preghiera per la pace a Pierszotrawieńsk.

Domenica!
La chiesa era piena di gente. All’inizio è stato cantato l’Inno: “Santo Dio, Santo Potente, Santo e Immortale Abbi pietà di noi…
Dall’aria, dalla fame, dal fuoco e dalla guerra, liberaci, Signore!
Dalla morte improvvisa e inaspettata Salvaci, o Signore!
Noi peccatori ti supplichiamo, o Dio, ascoltaci, o Signore!”
Le persone di questa messa erano sdraiate sul pavimento con la loro croce davanti all’altare.
In umiltà davanti a Dio, il popolo ha chiesto la pace.
Hanno distribuito gli aiuti ai più bisognosi. E’ stato dato alle famiglie di immigrati e agli anziani.
La vita delle persone sta peggiorando. Non hanno ricevuto le loro pensioni questo mese. Stanno finendo le medicine e i prodotti. Le piccole città in Ucraina sono semplicemente dimenticate.
Il trasporto è necessario. Abbiamo bisogno di trasporti per portare gli aiuti che sono già in Polonia in Ucraina.
Continuano i combattimenti violenti in Irpin.
I corpi giacciono nelle strade.
Durante questa domenica, intere famiglie vengono sepolte accanto alle recinzioni, vicino al parcheggio.


12.03.22  “Abbiamo portato aiuti umanitari dalla Polonia”

Il parroco è padre Jan Podobiński SCJ . È riuscito a raccogliere aiuti umanitari in Polonia e a organizzare la consegna di questi aiuti al confine dall’Ucraina.
Padre Andrzej (nel film) : “Abbiamo portato aiuti umanitari dalla Polonia ma abbiamo anche aiutato altri. C’era dello spazio libero nell’autobus. E abbiamo portato aiuti da Lviv a Zytomer”.“

11.03.22 La guerra continua in Ucraina e accoglienza dei profughi in Cracovia

Nonostante il loro grande numero, i soldati russi non avanzano.
Negli ultimi tempi si sono concentrati solo a bombardare sempre più città.

Nel frattempo, ci sono rifugiati in altri paesi.
Soprattutto in Polonia, dove lavorano i nostri confratelli.
Qui tutti si sono affrettati ad aiutare.

Questo si può vedere, per esempio, nel racconto di padre Grzegorz Gąkiewicz SCJ di Cracovia. In esso, Padre Grzegorz esprime i suoi ringraziamenti per l’aiuto.


10.03.22 – P. Andrzej Olejnik: “Vi chiedo di pregare insieme”

Cari fratelli e sorelle.
Come sapete, ora non sono in Irpin, ma nella regione di Zytomyr con i nostri sacerdoti. Tuttavia, vorrei unirmi a voi nella preghiera. Vorrei che pregassimo insieme a Cristo.
Leggiamo nelle Sacre Scritture:
“Dove due o tre sono riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro” (Mt 18,20).

Perciò vi chiedo di pregare insieme ora.
Prego per la mia intenzione.
Prego per la pace in Ucraina. Perché vogliamo vincere questa guerra il più presto possibile.
Prego per la nostra comunità. Per tutti coloro che hanno sofferto e soffrono oggi. Prego per ognuno di voi che siete in diverse parti dell’Ucraina o all’estero, che Dio vi benedica.
Andrzej Olejnik


09.03.22 – P. Andrzej Olejnik, P. Tadeusz und Sergei

(Misjesercanow.pl – zbieramto.pl) – Abbiamo scritto due giorni fa che padre Andrzej Olejnik SCJ ha lasciato Irpień vicino a Kiev. C’è una costante lotta feroce intorno alla città. Padre Andrzej è riuscito a raggiungere i sacerdoti del Sacro Cuore a Perszotraweńsk (circa 60 km da Żytomierz), dove ieri sera ha tenuto una catechesi per i giovani locali 😍. Era assistito da Sergei – uno studente e residente dello Stdentenheim di Irpien. È uno studente di medicina al quinto anno. Quindi, conduce anche corsi di primo soccorso per la gente del posto.

*** AGGIORNAMENTO. P. Tadeusz ha parlato per telefono con il vescovo della diocesi di Kiev-Zytomyr.


07.03.22 – P. Andrzej è vivo!

(misjesercanow.pl – zbieramto.pl) Da due giorni notizie non avevamo notizie di p. Andrzej. La procura missionaria polacca ha informato che egli è ancora vivo: “P. Andrzej è vivo! Questa è la migliore notizia che possiamo condividere con voi in questo momento. Come più della metà degli abitanti di Irpin, è stato evacuato a Kiev.
🇺🇦 Irpian, in cui sono durati intensi combattimenti, è stata quasi completamente distrutta. Niente acqua, elettricità, riscaldamento. Dopo che il ponte è stato fatto saltare in aria, nessuno poteva muoversi in macchina, per questo la gente ha lasciato le auto e ha camminato insieme a bambini, animali, valigie, passeggini. Nonostante le bombe cadano anche su Kiev, i civili non hanno altra scelta che cercare un rifugio provvisorio proprio lì. La strada verso ovest è interrotta. (https://www.facebook.com/zbieramto/)


5.03.22  – Che possiamo trovare la capacità di perdonare tutti coloro che ci fanno del male!

“Spera nel Signore ed Egli ti  proteggerà´”.
Cari fratelli e sorelle,
Abbiamo iniziato il periodo della Quaresima.
Dio ci chiama alla conversione.
Che possiamo trovare la capacità di perdonare tutti coloro che ci fanno del male!
Perché Dio dice: chi è misericordioso, si mostrerà misericordioso.
Oggi prego secondo le intenzioni della messa, ma anche per la pace in Ucraina.
Che Dio ci doni la vittoria in questo momento difficile.
Prego per tutti coloro che sono morti stanotte, stanotte, e per coloro che sono caduti. Nel mio cuore ho anche tutti i parrocchiani e gli abitanti della nostra città di Irpen.
Per l’Ucraina e per tutti coloro che hanno bisogno delle nostre preghiere. Perché forse qualcuno ne ha bisogno in questo momento, ma non può raggiungerci con una richiesta. Preghiamo anche per coloro che soffrono.


4.03.22 – Oggi è così tutto il giorno

Dzisiaj cały dzień taka stuacja. Strzelają bardzo blisko w miejscowości Bucza. Cały dzień jest tam starcie. Strały ze zbroi. Strzały z artylerii. Widać jak cały choryzony jest zadymiony. Coś się pali bardzo mocno.

Oggi è così tutto il giorno. Si sentono esplosioni nel villaggio di Buca. Ci sono combattimenti tutto il giorno, spari, colpi di artiglieria. Si vede come tutto l’orizzonte sia affumicato. Qualcosa sta bruciando.


 

03.03.22 – Per favore, pregate per noi

VCJ! Salve, cari fratelli e sorelle e persone di buona volontà, che mi ascoltate e guardate questo breve video.
Sono nella parrocchia di Santa Teresa di Gesù Bambino.
Sono in parrocchia e, come sapete, c’è una grave guerra in Ucraina.
Ora non possiamo vivere normalmente, perché invece della sveglia sentiamo le esplosioni al mattino. Forse anche ora si possono sentire.
Cosa possiamo dire?
Per favore, pregate per noi, affinché questa guerra finisca il più presto possibile. Forse arriverà la pace nel nostro paese, così la gente non soffrirà più. In questo momento stiamo vivendo una grande tragedia in Ucraina.
E che questa tragedia, questo orrore finisca il più presto possibile!


2.03.22 Cerchiamo di aiutare queste persone celebrando la Messa

Sono P. Andrzej Olejnik SCJ. Sono a Irpin, che ora è l’epicentro della lotta. Siamo in prima linea. La situazione è molto dura. Oggi ci sono stati allarmi per tutto il giorno. La notte è davanti a noi. Ci saranno bombardamenti dalle 2:00 alle 4:00 di notte e dalle 17:00 alle 8:00 abbiamo un’emergenza. La luce non può essere accesa durante questo periodo.
Il mercoledì delle ceneri. Nel pomeriggio abbiamo celebrato la Messa. Solo 10 persone hanno partecipato.
Cerchiamo di aiutare queste persone celebrando la Messa. Le aiutiamo mentalmente, moralmente e spiritualmente.
Le persone cercano il sostegno perché vivono nella paura costante.

In precedenza, abbiamo gestito il progetto: dormitorio per studenti. Ci costava 100/200 euro al mese.
Gli studenti hanno lasciato il nostro centro. Uno degli studenti aiuta nell’ospedale di maternità a Kiev perché è uno studente di medicina.

Nonostante la situazione difficile, i primi aiuti caritatevoli sono arrivati da Kiev. Anche il servizio comunale è venuto a riparare gli impianti in una delle strade nel pomeriggio.


02.03.22 – Mattino

“La mattina dalle 7 ore hanno cominciato a volare gli aerei e c’erano degli spari non so chi che scuotevano molto forte la casa, ho sentito degli spari della nostra Artiglieria, abbiamo un allarme aereo e dobbiamo nasconderci in un posto sicuro, ci sediamo sul pavimento della casa, siamo seduti, volevo tenere una messa alle 12 online, ma l’ho rimandata alle 14, forse si placherà”.


01.03.2022

Oggi ho iniziato la giornata con la preghiera. Alle 9.00 sono andata a fare la spesa per comprare il pane e i prodotti. Ho dovuto aspettare due ore in fila. I primi aiuti umanitari stanno già raggiungendo la città.
La strada è completamente distrutta. Come se fosse passata una tempesta.
Dopo il ritorno a casa, è iniziata la conferenza diocesana online. Kiev è in zona la più grande diocesi cattolica d’Europa. Le situazioni dei sacerdoti sono molto diverse e dinamiche. Tuttavia, molti cercano aiuto. I sacerdoti si aiutano a vicenda.
Alle 14, P. Andrew celebra la Messa online. Alla Santa Messa partecipano 10/15 persone. Non tutti hanno una connessione internet.

Nel pomeriggio i sacerdoti chiamano i parrocchiani. Chiedono della salute e dei bisogni. Il contatto dei pastori con la gente per i dehoniani è molto importante.
Ecco come appare oggi in Ucraina.

.
#warukraine

Iscriviti
alla nostra newsletter

ISCRIVITI

Seguici
sui nostri canali social

 - 

Iscriviti
alla nostra newsletter

Invio email a
Dichiaro di aver letto e compreso la Privacy Policy.