07 maggio 2021
07 mag 2021

Sfide e opportunità della formazione iniziale per l’interculturalità nella congregazione

"L'interculturalità in una comunità religiosa inizia con l'ospitalità, che in senso più ampio significa disponibilità".

di  Mary Gorsky

email email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

È un sacerdote polacco che ha servito in tre dei cinque continenti in cui si trovano i Sacerdoti del Sacro Cuore (Dehoniani). Per P. Andrzej Sudol, scj, l’interculturalità è più che una terminologia, è uno stile di vita. Aiutare gli altri a vivere e ad esercitare il ministero come membri di una comunità interculturale è una passione per lui, tanto che è stato il fulcro della sua tesi per il dottorato di ministero della Catholic Theological Union di Chicago. L’ha difesa con successo giovedì pomeriggio 29 aprile. A causa della pandemia, la difesa è stata fatta via Zoom. Diversi SCJ, tra cui P. Ed Kilianski, sono stati in grado di vederlo dai loro computer portatili.

Il titolo della tesi di P. Andrzej: “Sfide e opportunità della formazione iniziale per l’interculturalità nella Congregazione dei Sacerdoti del Sacro Cuore nella Provincia degli Stati Uniti”.

Ha iniziato i suoi studi al CTU nel 2015 dopo aver prestato servizio come formatore nelle Filippine e in India. Naturalmente, la sua formazione personale è avvenuta nella sua nativa Polonia. Quando è entrato nel programma di dottorato al CTU, aveva già fatto parte di tre distinte culture formative, e poi gli è stato chiesto di assistere ad una quarta: il programma di formazione per la Provincia degli Stati Uniti. I suoi studi di dottorato sono diventati part-time in modo da poter bilanciare il suo tempo con il programma di formazione. Attualmente è assistente del maestro dei novizi e direttore del postulandato.

Il carisma dehoniano e l’identità di ciascuno

Sottolinea che ogni cultura all’interno della congregazione dà la propria impronta ai programmi di formazione, ma c’è un elemento unificante in tutto ciò che permette l’interculturalità: il carisma dehoniano e l’identità di ogni membro – ovunque si trovi nel mondo o da dove viene – come membro dei Sacerdoti del Sacro Cuore.

Se gli SCJ devono vivere e operare come comunità interculturali all’interno di una congregazione religiosa internazionale, i suoi membri devono essere istruiti fin dai primi stadi della formazione “che cosa è l’interculturalità, le sue dinamiche e le competenze”, ha detto P. Andrzej.

Ci vuole più della buona volontà. “I candidati devono essere formati all’interculturalità”, ha sottolineato.

“La maggior parte dei membri della provincia, di cui un terzo è internazionale, accoglie la vita interculturale in teoria, ma non è consapevole delle conseguenze”, ha scritto P. Andrzej nelle prime pagine della sua tesi.

Sfide interculturali

La sfida è che l’interculturalità richiede più che accogliere persone di culture diverse dalla propria. “Sfortunatamente, c’è spesso l’aspettativa che i nuovi membri e candidati stranieri rinuncino alla propria cultura e identità per assimilarsi”, ha scritto P. Andrzej. “Questo non funziona bene”.

Degli attuali membri attivi della Provincia degli Stati Uniti, più di 30 sono nati in luoghi diversi dagli Stati Uniti. Vivere interculturalmente “è un’impresa impegnativa ma profetica fatta secondo lo spirito del nostro fondatore, Leone Giovanni Dehon, e assomiglia alla storia di questo paese costruito sull’immigrazione e sulla diversità delle culture”, scrive P. Andrzej.

La stessa Provincia degli Stati Uniti, il cui anniversario è stato celebrato pochi giorni fa, il 25 aprile, è stata fondata da un gruppo multiculturale di SCJ immigrati.

Allora, da dove si comincia ad imparare a vivere interculturalmente?

“L’interculturalità in una comunità religiosa inizia con l’ospitalità, che in un senso più ampio significa disponibilità”, ha detto P. Andrzej.

“Solo chi si avvicina agli altri, non per attirarli nella propria vita, ma per aiutarli a diventare sempre più pienamente se stessi, può essere veramente chiamato padre”. P. Andrzej ha usato la citazione dell’enciclica Fratelli Tutti di Papa Francesco, per sottolineare ciò che è necessario per l’interculturalità.

“Un atteggiamento di cuore e mente aperti nello spirito della fraternità umana e dell’amicizia sociale permette alle persone di liberarsi dal desiderio di esercitare il potere sugli altri”, ha scritto. “Questo atteggiamento aperto e l’amicizia fraterna ci permettono di riconoscere e apprezzare ogni persona, indipendentemente dalla vicinanza fisica, dall’origine, dalla posizione sociale e dalla cultura”.

La sua esperienza personale

Quando gli è stato chiesto della sua esperienza come dehoniano internazionale che studia negli Stati Uniti, P. Andrzej ha detto che “è stata una sfida studiare al CTU, poiché l’inglese non è la mia lingua madre.  Ma allo stesso tempo, è stata un’eccellente opportunità per conoscere la diversità culturale e la realtà multiculturale della Chiesa negli Stati Uniti.

“Sono grato a Dio e alla nostra congregazione per questa esperienza significativa. Sono fortunato a svolgere il mio ministero come formatore nella Provincia degli Stati Uniti. Il progetto di tesi mi aiuterà ad accompagnare i nostri candidati nel loro cammino per diventare dehoniani che siano sensibili all’interculturalità nel loro ministero e nella vita comunitaria”.

Iscriviti
alla nostra newsletter

ISCRIVITI

Seguici
sui nostri canali social

 - 

Iscriviti
alla nostra newsletter