07 dicembre 2020
07 dic 2020

Filippine colpite da tre tifoni

La risposta dei dehoniani alla calamità naturale nelle Filippine.

di  Nathaniel Robilla, scj

email email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Dall’inizio del 2020 la parte settentrionale delle Filippine è stata colpita da diverse calamità come l’eruzione del vulcano Taal lo scorso 12 gennaio 2020, nella provincia di Batangas. La popolazione di Manila e delle città vicine è stata colpita dalla caduta delle ceneri. Lo scorso 15 marzo è iniziato il lockdown in cui le famiglie sono state costrette a rimanere a casa a causa della pandemia del Coronavirus che ha immobilizzato l’intero Paese. Recentemente, il 25 ottobre il tifone Quinta ha colpito la parte settentrionale dei Visayas e una parte del sud di Luzon. Il 2 novembre invece il tifone ‘Rolly’ ha colpito Luzon meridionale e l’11 novembre 2020 il tifone Ulisse ha colpito Luzon centrale, dove vi sono registrati maggior danni.

Nonostante la minaccia della pandemia, le tre parrocchie amministrate dai dehoniani sono state in grado di aiutare i parrocchiani più colpiti dai tre tifoni. Nella parrocchia di San Lorenzo Ruiz, p. Nino Etulle, scj, parroco con i due confratelli dehoniani sono usciti senza paura “dalla sagrestia” per aiutare la gente.

Essi hanno offerto sostegno a 300 famiglie povere grazie all’aiuto della Caritas Manila e della LGU (Unità di governo locale). Nel frattempo, non hanno mai interrotto il programma di alimentazione della parrocchia, riuscendo a garantire settimanalmente i pasti a 201 persone ogni settimana. I padri continuano anche a fornire supporto educativo a 40 studenti, che fanno lezioni online.

Avendo ricevuto molti aiuti da diverse istituzioni e altre comunità dehoniane hanno potuto allargare il loro aiuto anche alla Parrocchia di Banal na Krus e ad altre comunità nella parte settentrionale di Luzon colpite dalle inondazioni improvvise, fornendo generi alimentari e di prima necessità-.

La parrocchia di Banal na Krus, animata tre confratelli di cui p. Marcial Aguirre è parroco ha aiutato più di 300 famiglie colpite grazie all’aiuto della parrocchia di San Lorenzo Ruis, e dal sostegno economico dei dehoniani insieme ad alcuni benefattori locali. Il programma di alimentazione della parrocchia era stato organizzato dalla diocesi a motivo del pericolo di diffusione del virus.

La parrocchia di San Roque, gestita da p. Elpidio Luza, scj, con i suoi due compagni dehoniani, ha fornito anche beni di primo soccorso, soprattutto alle famiglie colpite da pandemia e tifoni. Il programma di alimentazione che la parrocchia sta portando avanti da molti anni è stato sospeso in questo periodo di pandemia per l’aumento dei casi di contagi.

A Dehon House, a causa della pandemia, la comunità formativa ha difficoltà a inviare gli studenti per una esperienza pastorale, e tuttavia si è attivata per una raccolta di fondi.

Le tre parrocchie dehoniane esistenti a Manila hanno espresso la loro più sentita gratitudine per la generosità di molte persone a favore delle popolazioni colpite dalle calamità naturale e dalla pandemia: “Il momento peggiore che abbiamo vissuto è il momento migliore per diventare dehoniani”.

Iscriviti
alla nostra newsletter

ISCRIVITI

Seguici
sui nostri canali social

 - 

Iscriviti
alla nostra newsletter