05 marzo 2021
05 mar 2021

Un cuore libero

© photo credit: meteoweek
di  Joseph Kuate, scj

email email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Fratelli e sorelle, siamo arrivati alla terza domenica di Quaresima. Nel Vangelo, siamo testimoni di una scena insolita nella vita di Gesù. Raramente lo troviamo arrabbiato e impegnato in atti di violenza nei Vangeli. Egli scaccia i mercanti dal tempio, rovescia i tavoli dei cambiavalute e dichiara che la casa di suo Padre è una casa di preghiera e non un covo di ladri.

Il tempio di Gerusalemme non era solo il luogo delle cerimonie religiose, ma anche il polmone economico di Israele. Era lì che avvenivano gli scambi export-import, il cambio delle valute straniere. Lì c’era anche il grande mercato di animali da sacrificare (pecore, vitelli, colombe…), la vendita di pelli di animali che il paese esportava in grande quantità. Questo aspetto economico aveva preso il sopravvento sullo scopo stesso del tempio descritto da Cristo, cioè quello di essere una casa di preghiera. Ciò che Gesù compie è un gesto profetico e simbolico che riguarda il sistema religioso, economico e politico del giudaismo del secondo Tempio.

Tuttavia, Gesù non parla solo contro questo sistema, poiché vi erano masse di persone che erano oppresse e sfruttate dal sistema di potere. Infatti Gesù parla di un covo di ladri. I mercati sono non di rado pieni di trafficanti che sfruttano spudoratamente, di commercianti disonesti, ed è inaccettabile che questo luogo sacro si trasformi in un luogo che fa crescere le loro attività. La cacciata dei mercanti dal tempio è, dunque, la protesta di Gesù contro il potere e i privilegi di coloro che ne traggono un profitto. Non sorprende quindi che l’aristocrazia, specialmente i sacerdoti e gli scribi, la cui custodia del tempio è nelle loro mani, vogliano eliminare Gesù.

Nelle religioni tradizionali africane, si dice che i luoghi sacri devono essere sempre puliti. Oltre alla pulizia, si richiede che questi luoghi sacri siano luoghi dove i nemici si riconciliano, luoghi dove le parole di maledizione si trasformano in parole di benedizione. È un modo di allontanare, come Cristo, dai santuari gli oggetti del traffico e del peccato. Gesù scandalizzò ulteriormente gli ebrei chiedendo loro di distruggere il tempio per poterlo ricostruire in tre giorni.  Fa un annuncio profetico. Ha rivelato che era il nuovo tempio non fatto da mani d’uomo ma costruito da Dio. Questi detrattori lo distruggeranno mettendolo a morte, ma tre giorni dopo tornerà in vita. Noi cristiani, formiamo il corpo di Cristo, in altre parole questo nuovo tempio. Ognuno di noi è un elemento nella costruzione di questo tempio.

Il tempo della Quaresima è il tempo della purificazione del tempio. Che Cristo scacci in noi ciò che non onora Dio. Facciamo di noi stessi il tempio dello Spirito Santo, rifiutando di fare del nostro corpo un luogo di commercio e di traffico, ma una dimora di Dio.

La prima lettura ci presenta i 10 comandamenti che Dio assegna al suo popolo che ha liberato dalla schiavitù degli Egiziani. Permettiamoci di essere liberati da Cristo dalle varie schiavitù abbracciando i comandamenti di Dio. Questi comandamenti costituiscono il popolo come proprietà consacrata a. Tutti questi comandamenti hanno lo scopo di proibire a Israele di schiavizzare o assoggettare qualcuno alla schiavitù. Cristo riassumerà tutti i comandamenti nell’amore di Dio e nell’amore del prossimo. Amare allora significa purificarsi da ogni desiderio di asservire gli altri e armarsi per il servizio volando in aiuto.

Bisogna servire fino a donare la vita come fece Cristo. È in questo Dio che si dà fino alla fine che noi crediamo. È morto per redimerci. Per gli ebrei è uno scandalo e per i gentili una follia. Ma per noi, è la saggezza di Dio che nasconde misteri insondabili. È irrazionale, ma la nostra fede gli dà una logica. “ciò che è stoltezza di Dio è più sapiente degli uomini, e ciò che è debolezza di Dio è più forte degli uomini”, dice San Paolo.

Non smettere, Signore, di rialzarci ogni volta che cadiamo. Aiutaci a cacciare dal tuo tempio, che è il nostro corpo, tutti gli atti e gli oggetti che traffichiamo in modo peccaminoso, affinché possiamo giungere alla tua risurrezione a Pasqua con un cuore libero da ogni contaminazione

Iscriviti
alla nostra newsletter

ISCRIVITI

Seguici
sui nostri canali social

 - 

Iscriviti
alla nostra newsletter

Invio email a dehoniani.org
Dichiaro di aver letto e compreso la Privacy Policy.