24 November 2020
24 Nov 2020

Incontri dehoniani per promuovere la spiritualità e la fraternità

Tre laici raccontano la loro esperienza a contatto con i dehoniani e la loro spiritualità.

di  Alí Ernesto Villarroel Barreto, scj

email email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

“La forza di questi incontri è stata quella di comunicare, di riunirsi e di continuare ad incontrarsi per coltivare la fraternità e la spiritualità dehoniana.”

Geraldine e Ramon, dal Cile in Corazón de Jesús scrive: Durante la pandemia ci siamo chiesti come continuare a coltivare l’incontro con i religiosi e la spiritualità dehoniana, e la risposta è stata ovvia perché avevamo a portata di mano le diverse piattaforme (zoom, Google Meet, tra le altre) per incontrarci virtualmente e pregare come comunità dehoniana.

L’idea era anche quella di cercare uno spazio di ricongiungimento con i dehoniani che sono dentro il Venezuela e con quelli di noi che hanno dovuto emigrare, perché ci sono connessioni e legami di amicizia che ancora ci uniscono e ci piaceva l’idea di vedere volti di persone che, da tutte le zone del Venezuela, intendevano pregare attraverso diverse proposte online.

Come prima iniziativa, abbiamo chiamato alcuni fratelli e sacerdoti dehoniani a pregare le Litanie del Cuore di Gesù in occasione della celebrazione della sua festa. La seconda volta che ci siamo riuniti è stato per pregare per la chiusura del mese del Sacro Cuore di Gesù. Questo incontro è stato significativo perché alcuni dei fratelli si sono commossi nel rivedere amici e sacerdoti che conosciamo da molti anni.

La terza iniziativa è stata la realizzazione di un video in cui i partecipanti hanno espresso ciò che è “Essere dehoniani”. Questo in riferimento ai 67 anni di presenza dehoniana in Venezuela.

Come quarta iniziativa, abbiamo pregato intorno alla Vergine di Coromoto, patrona del Venezuela, pregando per il Venezuela e per i venezuelani.

La forza di questi incontri è stata quella di comunicare, di riunirsi e di continuare ad incontrarsi per coltivare la fraternità e la spiritualità dehoniana.

“è stato così bello sapere che, come me, ci sono molti che hanno bisogno di parlare della vita e di parlare dell’amore di Dio per noi”.

Ciao, sono Maria José Gonzalez, grazie all’affetto e poiché nella parrocchia eravamo diversi con lo stesso nome ho cominciato a identificarmi tra tutti, come “Majo”. Sono cresciuta nella parrocchia di Santo Domingo de Guzmán, a San Carlos-Venezuela, all’età di 9 anni ho fatto la Prima Comunione e la Cresima e da allora faccio parte dell’Associazione Amici di Cristo, fondata da P. Antonio Aguilera Álamo scj, 40 anni fa.

Sono stata formata all’interno dell’AAC sotto il motto “Vivere in amicizia con Cristo” come uno degli impegni che un Amico di Cristo dovrebbe avere, e “il servizio evangelico (evangelizzazione) agli altri”. Sono stata nel coordinamento dall’età di 13 anni, e da allora e per 15 anni sono stata in quel servizio diventando coordinatrice generale con un gruppo di amici e insegnanti per me. Abbiamo formato molti bambini e giovani all’interno della parrocchia che sono venuti anche al coordinamento e molti oggi sono grati e mettono in pratica tutto ciò che insegniamo loro e soprattutto nel senso più umano e cristiano che si possa menzionare.

Sono grata di aver partecipato a tanti eventi nella mia parrocchia, di aver conosciuto tante persone, e di aver mantenuto grandi amicizie, un buon amico, che oggi, come molti venezuelani, emigrati, mi invita ad incontrarmi di nuovo come Amici di Cristo, di trovarci in questo tempo di pandemia, dove sembra che siamo paralizzati, per sentire che Dio è ancora lì, che i nostri amici sono ancora lì, che la formazione del cristiano non finisce mai e che quando meno ci pensi ti ricordi delle tue radici, scavi e scopri che tutti sono ancora lì, solo che siamo distratti per un po’, ma che quando usciamo per incontrarci, abbiamo il nostro tesoro più grande che è Dio e quei fratelli e sorelle che abbiamo conosciuto attraverso Dio e la nostra parrocchia.

L’esperienza degli incontri che seguiranno sarà raccontata da Gregsson Camacho:

Ciao, sono Gregsson Camacho, ho 24 anni. Da quando avevo 13 anni ho iniziato a frequentare la parrocchia di Santo Domingo per fare la prima comunione e la cresima, poi ho iniziato in un gruppo chiamato AMIGOS DE CRISTO, con il passare degli anni ho fatto da coordinatore. Il mio amore per il servizio è sempre stato grande e ho cercato in buona misura di formarmi come uomo e buon cristiano. Con il passare degli anni, a causa della situazione in Venezuela, sono emigrato in diversi Paesi. Oggi sono in Argentina.

Penso che con la mole di occupazioni e responsabilità la mia vita ha avuto una brusca svolta, mi sono sentito lontano da Dio. Anche se ricordo quelle fredde notti invernali, nella mia solitudine mattutina e nel camminare per strada per tornare a casa dopo una lunga giornata di lavoro, il mio unico pensiero è stato: “La pazienza raggiunge tutto, a chi ha Dio non manca nulla”. Triste a dirsi, ma le crisi, le disgrazie e le ingiustizie stavano gradualmente indebolendo la mia fede. Un giorno un amico ha fatto un video per commemorare l’anniversario del gruppo Amici di Cristo, e vederlo mi ha commosso. E ho sentito più fortemente quel bisogno di Dio, ho capito che sentivo un vuoto, una solitudine.

All’inizio temevo che la mia idea non sarebbe stata presa sul serio e la prima cosa che ho fatto è stata quella di scrivere a un amico, dove gli ho spiegato che molti di noi sono lontani da Dio e che forse potevamo provare ad avvicinarci a Lui; ho formato un gruppo e ho cercato un animatore. Ho scritto a tutti loro spiegando personalmente l’idea. La risposta è stata immediata, ed è stato così bello sapere che, come me, ci sono molti che hanno bisogno di parlare della vita e di parlare dell’amore di Dio per noi. Questi incontri sono nati da questa necessità. Oggi abbiamo già avuto quattro incontri sotto diverse piattaforme digitali, che sono stati tutti sorprendenti, ognuno con il suo tocco di spiritualità.  È IMPORTANTE sottolineare che molte persone sono rimaste dietro le quinte mettendo il loro tempo e la loro volontà per far sì che questi incontri si svolgano nel miglior modo possibile. Posso dire che questa famiglia che è nata a San Carlos, in Venezuela, nella parrocchia di Santo Domingo, oggi è anche Santo Domingo per il mondo. Grazie ai religiosi, ai sacerdoti e ai laici che hanno dedicato un po’ del loro tempo a rendere possibile tutto questo.

“L’Ecuador ha aperto le porte al nostro futuro e per grazia di Dio la presenza dehoniana è più viva che mai.”

Víctor Manuel Baute Montero e´un  venezuelano che vive in Ecuador: Non è più un segreto che il Venezuela sta vivendo una situazione umanitaria e che più di 5 milioni di venezuelani hanno dovuto lasciare le loro frontiere per avere migliori opportunità, ma soprattutto perché chi è ancora dentro possa vivere bene.

Tra questi molti siamo noi, un gruppo di 12 laici di diverse parrocchie della presenza dehoniana in Venezuela, che abbiamo voluto continuare a vivere la nostra spiritualità nonostante il ritmo di vita che l’essere immigrati implica, in luoghi così lontani da casa che potremmo dimenticare le nostre stesse radici.

Ma c’è qualcosa in noi che è ancora vivo, continuiamo a portare la nostra croce dehoniana, le nostre magliette con le immagini del carisma, la nostra gioia, ma soprattutto il nostro bisogno di voler continuare a crescere come cristiani.

L’Ecuador ha aperto le porte al nostro futuro e per grazia di Dio la presenza dehoniana è più viva che mai, così con la guida di molti, dal Superiore Generale, P. Carlos Luis Suarez, ai nostri parroci, questo piccolo gruppo di venezuelani, abbiamo preso l’iniziativa di continuare il cammino formativo dei laici dehoniani.

Questa iniziativa è nata dal desiderio di sentirci di nuovo a casa, di vivere il “Sint Unum” che ci caratterizza. Nonostante le difficoltà del momento, le distanze e la pandemia, siamo riusciti a incontrarci attraverso piattaforme digitali per incontrarci, ridere, formarci e adorare il Santissimo Sacramento in compagnia dei religiosi dell’Ecuador, del Brasile e del Venezuela che, con la loro disposizione, ci accompagnano per continuare ad essere una famiglia dehoniana.

Iscriviti
alla nostra newsletter

ISCRIVITI

Seguici
sui nostri canali social

 - 

Iscriviti
alla nostra newsletter