28 dicembre 2022
28 dic 2022

L’esempio di Gesù bambino

Meditazione di p. Dehon sul mistero del Natale dal primo volume di “I Misteri dell’Amore".


email email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Lo spirto d’ infanzia è una virtù speciale, cara al Cuore di Gesù. Il bambino e cosi puro e cosi semplice; egli e completamente abbandonato e confidente tra le braccia protettrici di sua madre. Siamo anche noi cosi tra le braccia di nostro Signore.

Considerate Gesù nella sua infanzia: è estremamente semplice e completamente abbandonato nelle mani di Maria e Giuseppe. Maria lo posa sulla paglia, lo presenta ai pastori e ai Magi e forse lo porge loro perché l’abbraccino. Egli si lascia circoncidere e si lascia presentare al Tempio. Il santo sacerdote Simeone lo prende tra le braccia. San Giuseppe lo porta in Egitto e lo riconduce in patria.

A Nazaret la sua vita e riassunta in poche parole: «Il bambino cresceva e si fortificava, ripieno di sapienza e di grazia » (Lc. II, 40). «Era sottomesso e ubbidiente a Maria e a Giuseppe » (Luc. I2,51). Egli è sempre il bambino semplice, abbandonato fiduciosamente alla volontà dei suoi genitori.

E noi non saremo altrettanto semplici, confidenti e abbandonati a Gesù che ci ha adottati come figli?

 

P. Dehon, I misteri dell’amore, 68-69

Iscriviti
alla nostra newsletter

ISCRIVITI

Seguici
sui nostri canali social

 - 

Iscriviti
alla nostra newsletter

Invio email a
Dichiaro di aver letto e compreso la Privacy Policy.