13 luglio 2021
13 lug 2021

L’impegno sociale dei dehoniani in Ecuador

I dehoniani dell’Ecuador hanno promosso molti progetti sociali. La pandemia non ha fermato il loro lavoro, nonostante le numerose difficoltà le rigide restrizioni.


email email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Centro diurno per anziani “Sacro Cuore di Gesù”

Origine storica

Su impulso della Parrocchia di Santa María de la Argelia (allora chiamata “San Antonio Maria Claret”) dell’Arcidiocesi di Quito, all’alba del XXI secolo (26 dicembre 2001) è nato il Progetto Centro diurno per anziani “Sacro Cuore”, iniziativa che appartiene alla Congregazione dei Sacerdoti del Sacro Cuore di Gesù. La costruzione degli spazi dove si sviluppa il progetto, così come le spese di gestione e della direzione di questo progetto dipendono dalla comunità SCJ di Quito I.

Obiettivi

Il Centro diurno per anziani “Sacro Cuore” si propone di fornire un servizio progressivo e qualificato agli anziani nelle loro diverse esigenze: primarie, affettive, culturali e spirituali. Essendo un’iniziativa senza scopo di lucro, vuole creare una coscienza solidale che si trasforma in una rete di partecipazione effettiva nell’attenzione e nella cura degli anziani. È un progetto, una casa, di aiuto e di accompagnamento per gli anziani.

Gli obiettivi su cui ci proponiamo di lavorare come comunità religiosa sono i seguenti:

  • Promuovere, attraverso un programma di attività, un’atmosfera familiare, incontri e azioni fraterne.
  • Promuovere lo sviluppo integrale degli anziani, la creatività e l’autostima, attraverso processi partecipativi.
  • Integrare gli anziani come parte attiva della comunità e dei nostri quartieri, sulla base dei loro diritti e doveri.

Struttura

  1. Il Centro diurno per anziani “Sacro Cuore” dispone dei seguenti spazi: cucina, sala da pranzo, sala polivalente, palestra, sala di riabilitazione fisica e servizi propri.
  2. Beneficiano di questa iniziativa:
    1. Le persone che, avendo raggiunto l’età di 65 anni, dimostrano di trovarsi in una situazione finanziaria difficile, o la cui assistenza familiare è piena di privazioni e trascuratezza.
    2. C’è un processo di selezione secondo una scala per l’uso dei servizi forniti dal Centro.
    3. Si stabiliscono relazioni tra il centro e le famiglie degli anziani. Il contatto con i parenti degli anziani serve a sostenere il centro nelle sue iniziative, a sensibilizzarli in una risposta efficace ai bisogni dei nostri anziani.
    4. I servizi di mensa, sanitari e culturali forniti nel centro sono programmati in precedenza, secondo i mezzi disponibili.
    5. I beneficiari di questo progetto sono considerati parte attiva di esso. Si impegnano a mostrare uno spirito di collaborazione, secondo le loro possibilità, nelle iniziative culturali, ricreative e religiose che si programmano durante l’anno.
    6. Contiamo sullo sviluppo di volontari, cercando sempre il bene degli utenti e non i vantaggi personali di chi vuole realizzare questo generoso servizio.

Stato attuale

Nel mese di maggio 2020, a causa dello scoppio della pandemia del Coronavirus, la Comunità Religiosa, con grande dolore, è stata costretta a cessare l’attività del Centro diurno per anziani “Sacro Cuore”. È nostra intenzione poter riprendere il lavoro del centro quando le circostanze sociali e sanitarie lo permetteranno.

Cesti di solidarietà

Dato che il Centro stava ricevendo donazioni di cibo, per non perdere le donazioni, si è approfittato dell’occasione per creare cesti di solidarietà per le famiglie colpite dalla pandemia. Centoventi famiglie sono attualmente registrate. Il sabato o il venerdì i cesti vengono distribuiti alle famiglie che sono state precedentemente chiamate per telefono per evitare la folla di persone al momento della distribuzione. Ogni famiglia lascia un contributo di due dollari per sostenere questa attività.

 

Scuola di educazione globale “Talita Kum”

 

Origine storica

Come risultato del lavoro pastorale nelle aree urbane e rurali della Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù a Bahía de Caráquez, si è scoperto un grande tabù sociale riguardo alle persone che soffrono di qualche tipo di disabilità o malattia mentale (alcune di queste persone erano trattate come animali, legate ad una corda e senza alcun tipo di contatto sociale). Dopo una prima esperienza di censimento di queste persone e l’iniziativa di visitare e accompagnare queste famiglie affinché queste persone potessero essere trattate con dignità, la scuola “Talita Kum” è stata creata nel 2008 con il desiderio e la sfida di reintegrare i suoi utenti nella vita accademica e lavorativa.

Obiettivo

Dare qualità e attenzione calorosa ai bambini, adolescenti, giovani e adulti con disabilità nelle parrocchie di Bahia e Leonidas Plaza nel quartiere di Sucre con gli educatori della scuola di educazione integrale “TALITA KUM”, permettendoci di realizzare una formazione integrale tra le persone con disabilità e le loro famiglie attraverso le percussioni, il canto, i valori evangelici e la musica, il canto, i valori del Vangelo e della musica, così come la stimolazione e le terapie di apprendimento, che aiuteranno queste persone ad avere una migliore qualità di vita e le condurranno verso la loro integrazione e inclusione nel sistema educativo o nella vita lavorativa.

Struttura

Nel terreno della comunità religiosa di Bahía de Caráquez è stata costruita una scuola che, insieme ai giardini, ai servizi sanitari e al campo sportivo, offre uno spazio sicuro per la cura e la crescita degli utenti della scuola.

C’è anche un autobus di 17 posti per garantire il trasporto da casa alla scuola e di nuovo a casa, accompagnato da un autista specializzato e dagli insegnanti.

Durante la giornata accademica, gli utenti crescono nei vari campi dello sviluppo umano integrale: cura del corpo, educazione fisica, curriculum accademico, valori evangelici, musicoterapia e lavori domestici. In questo modo, molti degli utenti riescono ad essere funzionali nella loro vita quotidiana, sia nella cura che nel processo accademico. Tutta questa attività si svolge nel quadro di 2160 ore di insegnamento all’anno. È stata favorita anche la presenza di volontari che hanno contribuito con tempo e calore al processo educativo.

Mensa sociale “P. Dehon”

Origine storica

Poco dopo la rifondazione della presenza dehoniana in Ecuador, si percepì la necessità di un’istituzione che rafforzasse i bambini e i giovani studenti a causa dell’instabilità familiare, degli alti tassi di migrazione, delle malattie derivate dalla mancanza di igiene, dell’aumento della vendita e del consumo di droga, del basso livello educativo, del lavoro minorile, dell’insuccesso scolastico, della mancanza di opzioni ricreative…. Il punto di incisione in questo processo è stato quello di offrire uno spazio dove seguire una dieta equilibrata e un luogo ideale per il rinforzo scolastico e lo svago creativo costruttivo.

Così è nata, il 30 giugno 2000, la Mensa Sociale “P. Dehon” in collaborazione con l’INNFA (Istituto Nazionale per il Bambino e la Famiglia) insieme alla nostra Congregazione, il volontariato “Servizio e Solidarietà” e il Kiwanis Club (aiuto sociale).

La mensa è divenuta presto un’entità di grande prestigio sia per gli utenti che per tutto il comune, perché offriva uno spazio sicuro dove i bambini e i giovani potevano sviluppare le loro attività ricreative, accademiche, di evangelizzazione oltre a ricevere cibo di qualità.

Obiettivo

Offrire ai bambini più poveri della nostra comunità un’alimentazione equilibrata che permetta lo sviluppo ottimale delle loro capacità fisiche, intellettuali, psicologiche e spirituali. Promuovere e rafforzare la formazione accademica dei bambini accompagnando e rafforzando la loro scolarizzazione.

Permettere ai bambini di avere accesso alle attrezzature informatiche per lo sviluppo del loro lavoro scolastico.

Fornire un servizio alla comunità per la formazione dei suoi abitanti, attraverso laboratori di formazione professionale, accademica e valoriale.

Lavorare con i genitori degli utenti per una migliore struttura familiare.

Struttura

Il complesso della mensa dei poveri “P. Dehon” è composto dall’edificio stesso della mensa insieme ai servizi igienici, una zona di ricreazione, alcune stanze appartenenti a un centro medico ormai finito e la casa del custode.

Per la sua stessa configurazione offre uno spazio sicuro per attività con bambini e giovani e permette la formazione di laboratori nelle stanze destinate al centro medico.

Questi sono attualmente occupati da un team di assistenti sociali del Comune che realizzano un programma di svago sano per i bambini con l’obiettivo di prevenire la dipendenza da droga e alcol nei settori più svantaggiati della città.

Il team di lavoratori della mensa si sforza ogni giorno di preparare un menù di qualità e una dieta equilibrata per lo sviluppo sano dei bambini e dei giovani che partecipano al lavoro. Con la loro presenza e il loro esempio sono una testimonianza vivente dei valori familiari che vogliamo trasmettere.

La comunità religiosa è presente nel funzionamento del lavoro sia nell’organizzazione e sviluppo di questo come nei momenti ricreativi, celebrando i compleanni degli utenti, portando un tocco di festa ai festeggiati.

Stato attuale

Questo lavoro è cresciuto e ha fornito un servizio fondamentale alla popolazione in tempi di pandemia. Costretti a riconvertire il nostro processo quotidiano, offriamo più di 200 pranzi ogni giorno. Questo processo di cambiamento ha interessato la metodologia (raccolta del cibo nelle strutture della mensa da parte di un membro adulto non vulnerabile della famiglia per il successivo consumo a casa) e gli utenti (da 70 a 200, ampliando la famiglia e accettando alcuni anziani senza possibilità di procurarsi o fare il proprio cibo).

Nelle ultime settimane stiamo studiando la possibilità di un accordo tra il comune, la nostra Congregazione e il movimento internazionale “Fede e Gioia” per il consolidamento di un laboratorio di cucito negli ambienti della mensa. Questo creerebbe uno spazio per la formazione e l’imprenditorialità delle donne con risorse limitate.

Infanzia 2000: un bambino un padrino

 Origine storica

Nei primi anni della missione dehoniana a Quito, si percepiva che molti bambini lasciavano la scuola per mancanza di risorse economiche a casa. Questo ha portato ad un discernimento comunitario e insieme al procuratore delle missioni dell’epoca, fu stilata una lista di beneficiari e si cercarono sponsor. Per iniziare questo progetto alla fine del secolo e del Giubileo del 2000, è stato scelto il nome “Infanzia 2000: un bambino, un padrino”.

Presto questo progetto è stato esteso alla comunità di Bahía de Caráquez, essendo l’unico lavoro sociale che lavora in entrambe le presenze.

Obiettivi

  • Facilitare l’attenzione ai bisogni e ai diritti fondamentali dei bambini: istruzione, cibo, salute e vestiti.
  • Accompagnare le famiglie dei bambini, specialmente le famiglie monoparentali, nella cura dei loro figli e assicurare che i bambini siano trattati in modo appropriato.
  • Generare spazi e alternative per la promozione delle madri.
  • Incoraggiare la solidarietà tra le famiglie dei bambini e nel nostro ambiente.

Struttura

Il progetto è sotto la diretta responsabilità del Superiore Distrettuale dell’Ecuador, che nomina un delegato in ogni comunità in cui si realizza il progetto. Sono circondati da un team di coordinatori che assicurano un accompagnamento di ogni utente.

Questi sono responsabili della ricerca e dello studio di ogni caso.

Requisiti per aderire al progetto

  • Età dei bambini: dai 4 anni ai 16 anni alla fine del progetto.
  • Situazione familiare: che sia cattolico e permetta un colloquio sociale, così come una tempestiva visita a domicilio.

Una volta nel progetto, ogni famiglia riceve un assegno mensile di 25 dollari che può essere speso per gli articoli menzionati sopra. Per evitare di sprecare questo fondo, le famiglie non hanno accesso diretto al denaro, ma possono acquistare gli articoli in una vasta gamma di negozi nella zona in cui vivono, promuovendo così l’economia delle piccole imprese.

D’altra parte, c’è un lavoro in Spagna con la ricerca di padrini e madrine che collaborano finanziariamente al sostegno dei bambini. Questi padrini ricevono una corrispondenza annuale dai loro figliocci.

Anche alcune scuole della Provincia spagnola collaborano strettamente al progetto, sviluppando così la solidarietà e la coscienza missionaria dei bambini e dei giovani che godono di un’educazione stabile e di qualità.

Stato attuale

Al momento, il progetto continua a funzionare normalmente, tranne che per l’intoppo degli incontri faccia a faccia. Ci sono un totale di 196 utenti a Bahia e 192 a Quito.

Le sovvenzioni continuano ad arrivare in tempo e siamo stati in grado di espandere i locali per ridurre gli spostamenti all’interno della città.

Fondazione Orbayu

 

Origine storica

Frutto dell’esperienza di alcuni volontari che hanno realizzato l’esperienza di missione nelle nostre comunità in Ecuador e hanno percepito il potenziale delle imprese locali e il miglioramento della qualità della vita dei beneficiari.

Così è nata nel 2009 la fondazione “Orbayu” in collaborazione tra la Congregazione, ESIC e la compagnia di assicurazioni “Santa Lucia” per la gestione di microcrediti ai piccoli imprenditori.

Obiettivi

Concessione di microcrediti a 0% di interesse ai piccoli imprenditori dei paesi sottosviluppati. Con la devoluzione dei crediti, saranno realizzati progetti di sviluppo sociale della comunità.

Struttura

Orbayu è una fondazione senza scopo di lucro che ottiene il suo capitale dai fondi destinati all’aiuto sociale delle entità che la compongono.

Dai paesi in cui la fondazione è presente, si fa uno studio dei casi presentati dai diversi responsabili.

Una volta concesso il credito, che varierà a seconda dell’anzianità e della fedeltà nel rimborso da parte dei vincitori, essi avranno un periodo di un anno per attuare i miglioramenti e restituire il denaro.

In ogni luogo in cui si concedono crediti c’è un religioso SCJ e un lavoratore che segue i casi.

Stato attuale

Il progetto sta funzionando attivamente a Bahia de Caráquez, sotto l’egida della comunità religiosa locale, dove la maggior parte dei prestiti sono concessi agli agricoltori del settore.

A Quito il progetto ha smesso di funzionare ed è in fase di ristrutturazione.

Articolo disponibile in:

Iscriviti
alla nostra newsletter

ISCRIVITI

Seguici
sui nostri canali social

 - 

Iscriviti
alla nostra newsletter

Invio email a dehoniani.org
Dichiaro di aver letto e compreso la Privacy Policy.