15 agosto 2020
15 ago 2020

P. Osnildo Carlos Klann

P. Osnildo Carlos Klann
* 26.09.1937
† 14.08.2020

email email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Padre Osnildo Carlos Klann è nato a Brusque (BR) il 26 settembre 1937 e aveva 82 anni. Ha emesso i primi voti il 2 febbraio 1957 ed è stato ordinato sacerdote il 28 giugno 1964 nella Parrocchia di São Luiz Gonzaga, nella città di Brusque.

Attualmente viveva nella casa parrocchiale di Jaraguá do Sul con altri quattro sacerdoti.

Le esequie sono state celebrate questo mattina sabato (15) alle ore 9 nel Seminário Sagrado Coração de Jesus di Corupá. La comunità celebrerà una eucaristia speciale in suo ricordo.

I saggi risplenderanno come lo splendore del firmamento; coloro che avranno indotto molti alla giustizia risplenderanno come le stelle per sempre (Dan 12,3)


Una vita, molte battaglie

(Mons. Murilo Sebastião Ramos Krieger, scj) – “Una vita, molte battaglie”, ecco un possibile titolo per un libro che qualcuno vorrebbe scrivere sul nostro confratello, p. Osnildo Carlos Klann. È difficile immaginarlo in un monastero contemplativo; ma non sarebbe vera neppure una sua biografia che non dia particolare risalto alla sua profonda vita di preghiera e alla sua intensa vita spirituale.

Nel corso di otto anni, il giovane, nato il 26.09.1937, ha studiato a Corupá/SC – Brasile (1948-1955); ha fatto parte della classe che ha inaugurato il Noviziato di Rio Cerro – Jaraguá do Sul/SC – Brasile (1956). I suoi primi voti sono avvenuti il 02.02.1957. Ha studiato Filosofia a Brusque/SC – Brasile (1957-1958) e Teologia a Taubaté/SP – Brasile e presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma – Italia (1959-1964), dove si è specializzato anche in esegesi – un corso che non ha terminato per motivi personali. Ha emesso i voti perpetui il 02.02.1960 ed è stato ordinato sacerdote il 28.06.1964.

Dopo l’ordinazione, iniziò un tipo di vita che gli valse il titolo dato nell’omelia della Messa funebre: “Una stella che brilla per sempre”. Prendendo a prestito le parole del profeta Daniele potremmo dire: “I saggi risplenderanno come lo splendore del firmamento” (Dan 12,3). Questo nostro fratello ha dedicato gran parte della sua vita alla formazione dei giovani che cercavano la vita religiosa e sacerdotale. Se al suo funerale avessero partecipato tutti gli SCJ del Brasile Centro-Sud, toccati e beneficiati dalla sua dedizione – e certamente avrebbero voluto partecipare, se non fosse stato per le limitazioni imposte dalla pandemia di Covid-19 – si sarebbe concentrata a Corupá, luogo della sua sepoltura, una folla enorme. Già in vita era una stella nella vita di innumerevoli persone. Era una stella che indicava Dio; una stella che ci ricordava l’importanza della Chiesa; una stella che ci insegnava che essere cristiani è servire, è dare la vita, è essere come il grano di frumento, è imitare Gesù Cristo.

È stato formatore e insegnante nei Seminari minori di Lavras/MG – Brasile (1964), di Curitiba/PR – Brasile (1964-1965) e di Corupá (1966-1967), e di Teologia, a Taubaté (1968). È stato segretario provinciale a San Paolo dal 1969 al 1975. A quel tempo, ha frequentato l’Università Makenzie, a São Paulo/SP – Brasile, diventando un baccalaureato in portoghese e francese. Nel 1977 è stato di nuovo formatore e insegnante a Corupá; dall’anno successivo fino al 1981 è stato Rettore di questo Seminario. È stato poi nominato Consigliere Provinciale e Viceprovinciale (1981); nel 1982 si è dedicato ad un corso di formazione per religiosi a Rio de Janeiro. Dal 1983 è diventato Maestro dei Novizi, incarico che ha ricoperto fino al 1991, quando è stato eletto Superiore Provinciale (1991-1997). Diventa di nuovo Maestro dei Novizi (1997-2001). Nel 1999 è stato nominato responsabile dell’area della Formazione in Congregazione. Dal 2001 al 2003 è stato Superiore regionale della BRM. Il 12 agosto 2003, con la divisione in due dell’allora Provincia del Brasile meridionale (BRM e BSP), è diventato il primo Superiore Provinciale della BRM, carica che ha ricoperto fino al 2006. Nel secondo semestre di quell’anno è stato Vicario parrocchiale della parrocchia di São Sabastião a Jaraguá do Sul. Nel 2007 è partito come missionario per la Missione del Congo e vi sarebbe rimasto se non fosse stato per i problemi di salute che sono sorti. Poi è tornato in Brasile, ma non il suo cuore. Nel 2016 è tornato alla parrocchia di São Sabastião a Jaraguá do Sul, dove è morto il 14 agosto 2020.

Coloro che hanno conosciuto il suo modo di essere, il suo amore per il Cuore di Gesù, la sua passione per la Chiesa e il suo affetto per la nostra Congregazione dehoniana testimoniano che non avrebbero potuto immaginare padre Osnildo senza essere quello che era: un religioso del Cuore di Gesù e un sacerdote. Era una persona retta e coerente. Era un uomo di Dio, un amico di Dio.

Una delle sue caratteristiche principali era la trasparenza. Era quello che era; era quello che sembrava, anche nella sua determinazione, nella sua impetuosità e nelle sue richieste. Si poteva essere in disaccordo con lui; ma questo non scuoteva le sue convinzioni.

Abbiamo tutti un enorme debito nei confronti di padre Osnildo per quello che era, per quello che ha fatto e per quello che ha seminato nei cuori di tante persone. Egli è parte della nostra storia, e una parte importante, perché ha lasciato le sue tracce nel cuore dei nostri religiosi e del nostro popolo.

Il Signore ci dia la grazia di avere sempre davanti a noi il suo esempio, affinché, come la stella che continua ad essere, ci illumini e ci indichi Dio. E possa il Cuore di Gesù dare a Padre Osnildo la grazia di essere con lui, poiché ha trascorso la sua vita al suo servizio, e la grazia di essere onorato dal Padre (Gv 12, 26).

Iscriviti
alla nostra newsletter

ISCRIVITI

Seguici
sui nostri canali social

 - 

Iscriviti
alla nostra newsletter