25 novembre 2020
25 nov 2020

In terre lontane: la storia di un’esperienza formativa

Dopo 7 anni trascorsi presso lo Scolasticato Internazionale dehoniano di Friburgo, in Germania, Fr. Colince Michel Fouateu, originario della Provincia del Camerun, ci racconta la sua ricca esperienza nel paese di Goethe, in relazione al suo inserimento sociale e accademico, nonché alla vita comunitaria e alle sfide dell'internazionalità.

di  Michel Colince Fouteu, scj

email email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Lasciare la propria terra, il proprio paese, le proprie abitudini, per altri orizzonti non è stato un percorso senza trappole e ostacoli. Tuttavia, la scoperta di nuove terre è stata anche un’opportunità per nuove esperienze ricche di insegnamenti, intervallate da sforzi permanenti. Un’esperienza che fa parte della logica della conoscenza dell’altro nella sua realtà.

Come dono di Dio, ho avuto il privilegio di andare in terre lontane e straniere e di sperimentare l’altro nel suo essere e nelle sue realtà. Un religioso africano che, dopo la prima professione va lontano, per continuare la sua formazione sacerdotale, con lo studio della filosofia e teologia.

Le due maggiori sfide

La scoperta dell’altro e della sua cultura, dei suoi usi e costumi è inevitabilmente legata all’apprendimento della lingua, elemento essenziale poiché è la porta che si apre alla conoscenza dei suoi misteri e che nessun non può rimanere chiusa troppo a lungo.

Quindi la prima sfida che ho affrontato è stata naturalmente l’apprendimento della lingua. Una lingua che, come ha detto lo scrittore-poeta irlandese Oscar Wilde, una vita intera di apprendimento non sarebbe sufficiente: il tedesco.

Attraverso il contributo di confratelli della comunità dehoniana di Friburgo e lo sforzo personali, sono riuscito a imparare questa ostica lingua. La comunità di Friburgo pur essendo internazionale, ha imposto una certa disciplina linguistica. Il linguaggio di Goethe si è quindi collocato come il principale mezzo di comunicazione, come unico strumento comune.

La seconda sfida è stata lo shock culturale. Gli usi e costumi in Germania sono così diversi rispetto al mio comportamento culturale abituale.

Per esempio, ricordo i pasti, dove ho trovato molto difficile adattarsi… Un altro esempio, questa volta relativo al comportamento sociale, è la tendenza ad essere indifferenti nei confronti degli estranei: quasi nessuno risponde a uno sconosciuto che saluta.

Tuttavia, ho anche incontrato persone molto aperte, accoglienti, magnanime e sempre pronte ad aiutare. Sulle linee del tram, in strada, all’università, nelle sale di spettacolo, nella comunità, insomma, ovunque la provvidenza mi abbia condotto. La storia del mio primo incontro amichevole con un compagno di studi mi ha segnato per sempre. Era un pomeriggio di ottobre, all’alba dell’autunno, in un clima rasserenante. Il nuovo anno accademico era appena iniziato e avevamo già del lavoro da fare a casa. La struttura dei corsi all’inizio dell’anno lo ha reso necessario. Mi ero nascosto nell’oscurità del parco giochi, preoccupato da un esercizio che mi faceva piangere. Un compagno di classe se n’è accorto, si è avvicinato, ha allungato la mano e mi ha salutato. Dopo avergli risposto, mi ha chiesto in modo amichevole se avevo un problema e se chiedevo aiuto. Gli ho chiesto il mio problema e lui me l’ha gentilmente spiegato e si è assicurato che io lo capissi. Poi si è salutato e se n’è andato… Mi sono meravigliato di questa piacevole sorpresa e attenzione! Durante i miei 7 anni di studio e di vita in Germania, ho stretto amicizie che sono rimaste fino ad oggi.

Lezioni da apprendere

L’esperienza il cui viaggio si è appena concluso mi ha permesso di scoprire lo splendore della cultura tedesca, ricca di linguaggio, fedele ai suoi principi e meticolosa nel suo lavoro. Mi avrà anche permesso di sperimentare l’evidenza che si può vivere veramente solo in un ambiente straniero, in terre lontane, con persone che si conoscono e si amano, se si sfruttano al meglio le loro abitudini. Naturalmente non si devono dimenticare le proprie abitudini.

Iscriviti
alla nostra newsletter

ISCRIVITI

Seguici
sui nostri canali social

 - 

Iscriviti
alla nostra newsletter