23 December 2020
23 Dec 2020

L’Avvento diversamente vissuto

Tra la consueta attività pastorale e i riadattamenti dovuti alle restrizioni imposte dall'attuale pandemia, i dehoniani si stanno impegnando nei loro vari campi pastorali in Angola, Camerun e Congo per preparare i cuori alla venuta del Messia.

di  Boris Igor Signe, scj

email email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

In un momento in cui la pandemia di Covid-19 sottopone la gente a un ritmo di vita insolito, vivere l’Avvento come dettano le nostre usanze religiose e culturali è oggi, sotto molti cieli, un sentimento nostalgico. Per quanto riguarda le misure di distanziamento sociale, esse non rendono possibile, o almeno limitano notevolmente, la messa in atto di tali pratiche. Eppure, in alcune parti del mondo, come in diversi Paesi africani, le attività pastorali stanno seguendo il loro normale corso dopo alcuni mesi di severe restrizioni. Per sapere esattamente cosa sta succedendo, abbiamo contattato alcuni Sacerdoti del Sacro Cuore nelle loro varie sedi di missione in Angola, Camerun e Congo.

In Angola

P. Bartolomeu Quizembo con i giovani

Come altrove, i mesi precedenti in Angola sono stati caratterizzati da forti restrizioni. Diversi eventi religiosi erano stati addirittura rinviati a date successive. Ma da qualche tempo le attività si stanno gradualmente riprendendo riavviando, al punto che le cresime avranno finalmente luogo: “Abbiamo il privilegio di ricevere il vescovo della diocesi, in questo tempo di grazia, che sta visitando a tappe i tre centri pastorali della parrocchia, amministrando così il sacramento della Cresima, più volte rinviato a causa di Covid-19”, dice padre Bartolomeu Quizembo SCJ, della parrocchia di Nostra Signora del Rosario, nella diocesi di Viana. Anche in questo periodo di Avvento sono state organizzate le prime comunioni per i giovani che, dopo aver finito la catechesi da tempo, hanno dovuto attendere l’evoluzione favorevole della situazione pandemica. Sebbene l’Avvento a Viana sia principalmente di colore sacramentale, padre Bartolomeu riconosce che questa assistenza pastorale al santo popolo di Dio si svolge sempre secondo le misure imposte.

In Camerun

P. Parfait Mongo

P. Mathias Ebode

Il calendario degli eventi dell’Avvento non è cambiato molto in Camerun. Mentre altrove nulla può essere organizzato a causa delle severe restrizioni imposte dall’attuale contesto di crisi, tutto sembra funzionare normalmente in Camerun in diverse parrocchie e centri spirituali come se Covid-19 non esistesse. Ciò è inoltre confermato da semplici osservazioni empiriche da un lato e da cifre ufficiali dall’altro, dove l’ago di nuovi casi di infezione non ha superato lo zero per diverse settimane, anche se gli eventi vengono organizzati normalmente e senza la minima misura di barriera, come sottolinea padre Mathias Ebode SCJ, vicario della parrocchia di San Timoteo di Bonaberie a Douala: “Senza mentire, le misure di barriera non vengono rispettate. La gente è stanca”. I cristiani sono stanchi di questa crisi al punto che le cicatrici che ha lasciato nei mesi precedenti stanno creando una certa lentezza nella partecipazione alle attività pastorali della parrocchia. Padre Mathias indica solo alcuni eventi, come un ritiro ricordo e un concerto di musica religiosa, che si svolgeranno per preparare al meglio i giovani della parrocchia al Natale. Padre Parfait Mongo SCJ, responsabile del “Pozzo di Giacobbe”, la cappellania giovanile di Bafoussam, ritiene che anche la preparazione spirituale sia essenziale in questo tempo di Avvento. Per questo motivo gran parte del programma del cappellanato è dedicato ai ritiri e alle sessioni di formazione con diversi gruppi provenienti dalle parrocchie del decanato di Tamdja, nella città di Bafoussam. Anche se il Coronavirus sembra essere stato sconfitto in Camerun, il Cappellano del “Pozzo di Giacobbe” rimane cauto: “Il Covid è una prova, ma credo che Cristo, chi è e chi deve venire, sia il miglior vincitore del Covid”. Fidiamoci di lui e non rimarremo delusi. »

Nella Repubblica Democratica del Congo (RDC)

Diac. Vervein Mtoro

Anche i ritiri e le confessioni hanno segnato questo tempo d’Avvento. Questo suona almeno come i principali eventi organizzati nella parrocchia dei sacerdoti della Società del Verbo Divino (SVD), a Lemba nell’arcidiocesi di Kinshasa, il luogo pastorale del diacono Vervein Mtoro SCJ. Nonostante la crisi di Covid-19 sono state mantenute le attività pastorali ordinarie e, oltre ad esse, l’organizzazione di ritiri e confessioni, come sottolinea il diacono Vervein: “Per la preparazione al Natale abbiamo programmato due serie di ritiri spirituali (uno per i giovani e uno per gli adulti), ciascuno seguito da confessioni”.

Anche se le attività pastorali dell’Avvento sono diverse a seconda del luogo, tutte contribuiscono ad aiutare i cristiani a prepararsi meglio spiritualmente ad accogliere il Cristo che viene in loro.

Iscriviti
alla nostra newsletter

ISCRIVITI

Seguici
sui nostri canali social

 - 

Iscriviti
alla nostra newsletter