13 December 2020
13 Dec 2020

Missione possibile nelle zone remote della Papuasia

La Provincia dell'Indonesia ha una missione nazionale di cui occuparsi, in una delle province più orientali del Paese chiamata Papua. Fratello Gregorius Sigit Wiyono SCJ ha prestato servizio per dieci anni nelle zone remote della Papua, dove a volte ci vogliono quindici giorni per raggiungere le zone di missione a piedi, in moto e in elicottero. Gregorius Sigit Wiyono SCJ fratello religioso della provincia dell'Indonesia condivide la sua esperienza.

di  Gregorius Sigit Wiyono, scj

email email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

“Cosa vuoi che faccia per te? Ed egli disse: “Signore, che io riabbia la vista!  (Lc 18,41) Queste parole della Bibbia riflettono la mia condivisione a seguire. Negli ultimi dieci anni ho lavorato nella terra di missione domestica di Papua come fratello religioso. Ed è in questa terra di missione che ho sentito che la vita di fede e di chiesa è molto dinamica, provando compassione  per tante anime che hanno sete della parola e dell’Eucaristia che non sono servite al massimo. È stato in Papua che la mia coscienza e la mia morale si sono spesso ribellate all’ingiustizia e all’impotenza.

Nella diocesi di Timika sono stato assegnato alla parrocchia di “maria bintang laut” (nome della chiesa) kokonao (luogo). La diocesi è stata fondata il 19 dicembre 2003 con il primo vescovo monsignor John Philip Saklil. Questa nuova diocesi conta 113.420 membri provenienti da 30 parrocchie sparse lungo la costa meridionale, le montagne centrali di Papua alla costa settentrionale della Papua. Per l’efficacia del servizio, è comune che diverse parrocchie vengano fuse in un’unica parrocchia a causa della limitata presenza di personale pastorale. Nel 2015 la diocesi di Timika contava 20 sacerdoti diocesani e 21 sacerdoti religiosi. L’area di servizio copre otto distretti con una superficie di 102.892 km2, un’area di servizio molto ampia con un numero molto limitato di operatori pastorali.

La natura è una sfida in sé stessa al servizio

La costa meridionale, dominata da foreste di mangrovie e foreste fangose, rende l’area di servizio accessibile solo in barca e a piedi. Diverse stazioni sono dotate di servizi aeroportuali, ma non esiste un orario fisso dei voli. Durante i servizi di routine e le vacanze verso le stazioni più lontane, possono essere necessari dai dieci ai quindici giorni per un solo viaggio. Nel frattempo, l’area di servizio nelle montagne centrali della Papua con le montagne scoscese è accessibile solo con aerei pionieri (The Scottish Aviation Twin Pioneer è adatto per ascese e discese con piste corte), che con la moto o a piedi. Attualmente, il governo sta costruendo una strada Trans Papua (la Trans-Papua Highway si riferisce a 12 segmenti stradali, alcuni in costruzione, attraverso le province di Papua e Papua Occidentale dell’Indonesia) a partire dalla costa nord attraverso le montagne centrali, che si prevede di collegare alla costa sud. Se questo percorso sarà completato, sosterrà sicuramente il ministero della chiesa.

Il contesto culturale

Un’altra sfida, ovvero il background culturale composto da decine di tribù e lingue diverse, è di per sé difficile. Molti luoghi di servizio devono invitare la popolazione locale a diventare traduttori nella lingua locale quando vengono visitati. Questo include quando si svolgono servizi di culto, un traduttore deve stare vicino all’altare per tradurre nella loro lingua. Inoltre, la comprensione e la conoscenza minime della chiesa e dei suoi insegnamenti rendono la predicazione più complessa. A questo proposito, vedo che la diocesi di Timika è molto creativa nel collocare gli insegnanti delle scuole cattoliche nelle zone rurali con l’ulteriore compito di essere attivi nella vita della chiesa nei loro rispettivi luoghi di lavoro. Essi insegnano anche la religione nelle scuole e diventano promotori della vita di fede cattolica.

A mio parere, come giovane diocesi, il passo più urgente in questo momento è quello di reclutare lavoratori come i catechisti, per coprire la mancanza di sacerdoti. I confratelli con la formazione di 14 membri hanno iniziato a costruire un edificio polivalente. Uno degli obiettivi è la formazione del personale pastorale. Purtroppo, questo sforzo è limitato dai finanziamenti.

La mia vita come dehoniano

Come posso vivere la mia vita di dehoniano in una situazione del genere? I primi mesi è stato molto difficile per me adattarsi alla cultura, alla natura e alle abitudini di vita. Tuttavia, la preghiera e obbedienza a Dio sono diventate una fonte separata di forza e di ispirazione per il cammino della mia vita e della mia fede nel futuro. Dio a modo suo mi conferma e mi rafforza in vari modi. La bellezza naturale della Papua è la principale attrazione per me. Da quel regno naturale mi ha poi portato alla meraviglia della Sua maestosa opera. La natura con le foreste incontaminate, l’aria fresca, gli innumerevoli animali e le specie mi hanno fatto capire che la Papua è una parte della mia vita. L’unicità della cultura locale mi fa anche innamorare di Papua.

L’accettazione e la fratellanza sono caratteristiche delle comunità locali che possiamo trovare negli eventi organizzati per accogliere gli ospiti o i nuovi arrivati. Le mie interazioni quotidiane con la gente mi hanno fatto capire che l’opera di Dio per il popolo papuano non è mai stata compresa. A volte sembra non essere logico. Per esempio, una donna proveniente dalle parti interne della Papuasia può dare alla luce bambini sani senza farmaci e strutture mediche sterili: solo con l’aiuto della comunità. Un altro esempio è quando la febbre è alta a causa della malaria. Una cura è quella di dormire a terra su foglie di banano.. E si guarisce senza prendere farmaci. Ma è difficile ragionare. Succede. Per me questo è il modo di Dio di prendersi cura di loro, di proteggerli e di benedirli. Il governo provvede. Le strutture sanitarie non sono ottimali, ma non lo sono perché il personale medico spesso vive nelle città a cui è assegnato. Ogni volta che si recano in viaggio i religiosi SCJ devono portare le proprie medicine per sé. Nel viaggio verso l’interno della Papuasia di solito portano vestiti da distribuire da parte della comunità, più volte medicine e materiale scolastico per i bambini.

Vi invito a pregare

Come dehoniano, invito i confratelli di tutto il mondo a pregare per i confratelli nella terra di missione della Papuasia, affinché siano benedetti con la salute e la forza dello Spirito Santo per continuare ad essere desiderosi di diffondere il Vangelo all’interno della Papuasia. Se Dio mi chiede “cosa vuoi che faccia per te? “. Allora risponderò: “Signore, che io possa vedere la prosperità e il benessere del tuo popolo nella terra di Papua, in modo che molte persone siano mosse ad impegnarsi in qualsiasi forma per l’evangelizzazione in Papua.

Iscriviti
alla nostra newsletter

ISCRIVITI

Seguici
sui nostri canali social

 - 

Iscriviti
alla nostra newsletter