18 marzo 2021
18 mar 2021

“…come se fosse scritta da un dehoniano!”

Intervista con il Superiore Generale, padre Carlos Luis Suárez Codorniú SCJ, su "Fratelli tutti", la recente enciclica di Papa Francesco.

di  André Lorenz
Dein Reich Komme

email email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

L’enciclica di Papa Francesco “Fratelli tutti” ha sorprendenti parallelismi con la spiritualità e l’attività dehoniana. Come può spiegare l’enciclica in poche parole?

L’enciclica è un pellegrinaggio attraverso l’umanità. Per me, l’enciclica è una lectio divina sulla parabola del Buon Samaritano, una contemplazione su cui riflettere: Dove stiamo andando? Come camminiamo? Chi incontriamo? Chi stiamo evitando? Cerchiamo sempre di raggiungere una determinata destinazione. Ma cosa succede lungo la strada? Quando il Papa legge questa meravigliosa parabola è, in un certo senso, seduto sul lato di questa strada, prendendo il tempo per percepire questo pellegrinaggio.

Quali sono stati i suoi primi pensieri quando ha letto l’enciclica?

Era come se l’avesse scritto un dehoniano! (ride) Infatti, abbiamo subito scritto una lettera alla Congregazione perché eravamo rimasti colpiti. Quello che abbiamo letto ci è sembrato molto familiare. I dehoniani possono sentirsi a casa nel testo perché si tratta della nostra spiritualità. Anche padre Dehon era un viaggiatore. Ma per lui non si trattava di turismo e di conoscere nuovi luoghi. Viaggiare era il suo modo di capire il mondo. Ha preso molti appunti durante i suoi viaggi, e questo ci mostra la profonda comprensione che anche padre Dehon cercava: dove andiamo, cosa ci procura gioia, che qualcuno si prende cura dei compagni, perché non siamo soli. Come dice il Papa: siamo compagni di viaggio.

E come si è sentito come Superiore Generale: confermato? incoraggiato?

Fratelli tutti mi ha incoraggiato enormemente. L’enciclica è estremamente utile per rafforzare il nostro impegno. A volte parliamo del Dehon spirituale, del Dehon sociale, del Dehon storico – ma in realtà consideriamo la spiritualità di Dehon nel suo insieme. Essa si traduce in un modo particolare di guardare il mondo, ed è di questo che tratta l’enciclica. È radicata in un’esperienza di fede, e sulla base di questa esperienza si può affrontare la vita in modo giusto. Questo è ancora possibile oggi! Nel mondo ci impegniamo in molti modi, ma ogni azione dovrebbe essere parte di un’esperienza interiore di fede e di Dio – perché è Dio che fa qualcosa con noi. A volte si avvicina a noi, a volte si trattiene. Quando scopriamo ciò che Dio sta facendo con noi, dobbiamo farlo.

Lei ha detto che l’enciclica descrive un cammino, un pellegrinaggio – ma verso quale meta? Qual è la risposta del Papa?

Siamo chiamati ad amare ciò che ci fa battere il cuore. Amare la nostra vita. Apprezzare i nostri doni e talenti. Per apprezzare il nostro pellegrinaggio, per scoprire nuovi volti e compagni. La nostra esistenza ha un senso e non siamo soli. Come puoi TU aiutarmi a diventare più umano, un uomo migliore, una donna migliore? Come puoi TU aiutarmi a sviluppare chi sono? È un meraviglioso pellegrinaggio di solidarietà: camminiamo insieme. Questo è il Sint Unum della nostra spiritualità: che tutti siano uno! E un nuovo modo di leggere il nostro Sint Unum. Fratelli tutti è anche una coerente prosecuzione degli insegnamenti di questo Papa. Tutte le sue lettere hanno qualcosa in comune: che ognuno aiuti l’altro a crescere.

Papa Francesco scrive a un certo punto (FT 127): “È possibile desiderare un pianeta che assicuri terra, casa e lavoro a tutti. Questa è la vera via della pace, …” Cosa può fare oggi un Papa in un mondo prevalentemente secolarizzato, globalizzato e frammentato?

Il modo di essere Papa di Francesco è la vicinanza: alla gente, ai più poveri. Soprattutto i più poveri hanno bisogno di più vicinanza, e la ricevono da Papa Francesco. Per me è meraviglioso leggere questa parabola e sentire questa vicinanza. Dio ci ha fatto sentire questa vicinanza anche quando il Verbo è venuto nel nostro mondo e si è fatto carne. Questo è importante anche per la nostra vita religiosa, affinché rimaniamo uniti. Ciò che Papa Francesco mostra è anche la gentilezza. Questa gioia di essere benevoli con gli altri e di chiedere: cosa vuoi che ti faccia? Questo è ciò che cogliamo dagli insegnamenti di Papa Francesco: Vicinanza e gentilezza. Ce lo mostra attraverso molti gesti di amicizia. Si sente vicino a noi, noi apparteniamo alla sua famiglia.

Vicinanza e gentilezza sono anche caratteristiche dei dehoniani. Come dehoniano, qual è la cosa più importante che ha imparato da “Fratelli Tutti”? Che cosa vi ha trovato di nuovo?

Ciò che è stato nuovo per me è il coraggio di fare un passo indietro e vedere la nostra spiritualità sotto una nuova luce. Il Papa si riferisce al Vangelo, e naturalmente noi conosciamo molto bene il Vangelo. Ma ora il Papa sta gettando nuova luce sul Vangelo, offrendoci un nuovo modo di guardarlo, e penso: “Oh mio Dio, conosciamo il Papa da così tanto tempo, ma ora è ancora più vicino a noi. Il Papa ci invita ad avvicinarci ancora di più a lui dicendo: “Immergetevi nel Vangelo”. È quello che insegnava anche padre Dehon: immergersi nel Vangelo. Fate parte di questa parabola. Sii uno di quelli che cercano Gesù.

Papa Francesco dice: “Dobbiamo essere parte attiva nella riabilitazione e nel sostegno delle società ferite“. (FT 77). Sembra che sia stato preso direttamente dalla dichiarazione di missione dei Dehoniani…

…ma certo! Questa è dunque riparazione. Vediamo società disgregate. Vediamo famiglie spezzate. Vediamo nazioni spezzate. Vediamo così tante persone ferite e lacerate. Tutto il mondo sta soffrendo. Ci sono così tante cose che devono essere riparate. Il modo di esprimere il nostro amore per Dio è mostrare il nostro amore alle persone spezzate nel nostro contesto, nel nostro tempo. La spiritualità della riparazione è assolutamente presente in questo testo. Il buon samaritano ha mostrato esattamente questo. Ha fatto la sua parte per curare. Noi dehoniani non siamo i superuomini dell’umanità, ma siamo una piccola parte di tanti eroi in questo mondo. Non possiamo assumerci tutti i fardelli di questo mondo, sarebbe presuntuoso e frustrante, ma possiamo fare qualcosa. Questo è meraviglioso! E ci chiediamo molto seriamente: cosa posso fare? Dov’è la mia persona ferita? Per quale uomo, quale donna, quale bambino, posso essere parte della guarigione?

Quando è stata l’ultima volta che ha sentito di poter fare qualcosa?

Due ore fa, forse (ride). Ho ricevuto una chiamata da un confratello. Era molto turbato a causa di un malinteso con un altro confratello. Ero lì per lui, mi sono preso il mio tempo e gli ho detto: “Calmati, non devi vedere la cosa così da vicino”. Sì, credo che sia stata l’ultima volta… Sono convinto che ognuno di noi ha l’opportunità ogni giorno di essere parte di una soluzione.

Come riassumerebbe brevemente le somiglianze tra la spiritualità dehoniana e “Fratelli tutti”?

Qualcuno ci ama prima che noi amiamo – senza chiedere nulla in cambio. Perché quell’uomo della parabola del Buon Samaritano, tra tutte le persone, si fermò quel giorno? E gli altri no? Non sapeva nulla dell’uomo ferito, se fosse ricco, per esempio, e lo avrebbe poi pagato per il suo servizio. L’ha fatto solo per la gioia di fare qualcosa di buono per un altro. Penso che questo sia davvero molto dehoniano. Guardando il nostro Fondatore, anche negli incontri concreti con altre persone, con altre religioni, impariamo: Non smettere di fare il meglio per gli altri. E farlo senza reciprocità, questo è particolarmente importante nel nostro tempo in cui si dice sempre: cosa ottengo in cambio? Perdiamo la gioia di donarci con spirito di abnegazione.

C’è una connessione speciale tra Papa Francesco, i suoi scritti, i suoi insegnamenti e l’eredità di Padre Dehon. In che cosa consiste questa correlazione?

Entrambi hanno i piedi ben piantati a terra. Conoscono la realtà. Lo sanno: Ci sono molti momenti difficili in questo mondo. Ma allo stesso tempo, sono uomini di speranza. Sanno che non soccomberanno di fronte alla tristezza, alla violenza, all’egoismo. Sanno che la storia è nelle mani di Dio e che Dio sarà il vincitore della storia. Ma se qualcuno vince, significa che qualcun altro perderà. Il nostro modo di vincere è perdere: i miei progetti, la mia comodità personale. “Come si diventa un perdente?” – che è molto difficile in una società che si basa soprattutto sulla vittoria. Leggi questo libro, segui questo corso e sarai un vincitore! No, penso che il Vangelo ci insegni: sii un perdente! Perdi il peggio di te stesso, e solo allora sarai veramente felice, solo allora sarai un vero essere umano!

Questo suona molto strano, soprattutto nelle nostre società occidentali: vincere perdendo…

… certo! In una delle nostre scuole in Spagna ho avuto una riunione con gli insegnanti. Ho chiesto loro di mettere un grande cartello davanti alla scuola con la scritta: Vieni con noi e diventa un perdente! Erano scioccati …

… posso capirlo!

Ho poi cercato di spiegare che questa è la logica del Vangelo. Il Buon Samaritano è stato senza dubbio un vincitore. Nel processo, ha perso soldi, ha perso tempo, forse ha perso un appuntamento e ha perso la sua ragazza.

E cosa ha guadagnato?

La gioia della compassione. Si tratta di compassione. Siamo tutti pieni di buoni sentimenti. Ma cosa sono i buoni sentimenti? Non ti spianano la strada. La compassione fa la differenza. Il Buon Samaritano ha avvertito in sè: non sono solo un viaggiatore, sono un pellegrino. Questo fa la differenza. Sta facendo un’esperienza di Dio, non controllando ogni passo, ma lasciando che accada la cosa giusta. Un viaggiatore pianifica dove va, quando si fermerà, quando sarà dove. Un pellegrino, invece, non sa dove dormirà domani.

papa Francesco ha scritto “Fratelli tutti” prima e durante la pandemia Covid-19. Quanto il lavoro dei Dehoniani è stato influenzato dalla pandemia? Come si può essere ancora buoni samaritani in questa pandemia?

Bella domanda! La nostra regola di vita richiede che un Superiore Generale visiti tutte le entità. Per farlo, dovrei viaggiare costantemente in tutto il mondo, visitando circa 50 paesi diversi. Non sono riuscito a farlo da quasi un anno. Ma abbiamo trovato nuove possibilità nell’amministrazione generale con i media digitali. E ora abbiamo più tempo per pregare, per pensare meglio, per riflettere, per discutere. Per me, il mio tempo qui nella comunità romana con circa 40 confratelli è una benedizione! Quando ho iniziato il mio servizio alla congregazione, tutto quello che ho detto ovunque è stato: “Ciao!”, “Ciao!”, “Arrivederci!”, “Arrivederci!”. Ero assente per la maggior parte del tempo. Ma ora sono qui, a conoscere i miei confratelli più giovani. È un modo molto diverso di conoscere la Congregazione. Ma naturalmente ho il desiderio di visitare di nuovo le entità e di abbracciare i miei confratelli, di vedere le loro realtà con i miei occhi. Anche io ne soffro.

Questo significa che lei sarà il primo Superiore Generale che non avrà visitato tutte le Entità durante il suo mandato?

Ebbene, anche padre Dehon ha fatto questa esperienza per tre anni durante la prima guerra mondiale. Lì viaggiava solo tra Bruxelles e San Quintino. Ha dovuto rinunciare ai suoi viaggi in un momento in cui la Congregazione si stava appena sviluppando in molti luoghi. Questo significa che ora mi sento più vicino a padre Dehon.

Ricordo la nostra prima conversazione subito dopo la sua elezione, e le ho chiesto quali fossero le sue principali sfide. Lei ha risposto: riscoprire il Vangelo, riscoprire l’eredità del nostro Fondatore e riscoprire il Fondatore stesso. Probabilmente non si poteva immaginare che la riscoperta del Fondatore sarebbe avvenuta in questo tipo di isolamento.

Mai! Ma è una cosa preziosa! Mi aiuta immensamente. Oggi, naturalmente, abbiamo più possibilità tecnologiche. E i documenti di Papa Francesco – Fratelli tutti, Evangelii Gaudium, Laudato Si’ – ci aiutano nel cammino verso il Vangelo. Mi sento benedetto da questi insegnamenti. Ci aiutano ad aggiornare la nostra esperienza del Vangelo.

Subito dopo la pubblicazione dell’enciclica, lei ha scritto una lettera alla Congregazione. Sono stati pubblicati diversi articoli al riguardo sul suo sito dehoniani.org. Quali sono i suoi progetti futuri su come i dehoniani dovrebbero lavorare e vivere con questa enciclica?

Invitiamo tutte le entità a leggere l’enciclica partendo dalla propria realtà. Chiediamo anche alle nostre scuole, per esempio, di fare qualcosa riguardo a Fratelli tutti e alla Laudato Si’, perché crediamo che le due parti si appartengono. Abbiamo molte risorse, dobbiamo solo usarle correttamente. Abbiamo molto materiale, e abbiamo molte opportunità. Le entità stanno prendendo la cosa molto seriamente, e sono già emerse diverse iniziative concrete.

 

Dein Reich Komme 60 (2021) 10-13.

Dein Reich Komme è la rivista dei dehoniani della provincia tedesca.

Iscriviti
alla nostra newsletter

ISCRIVITI

Seguici
sui nostri canali social

 - 

Iscriviti
alla nostra newsletter