19 novembre 2020
19 nov 2020

Dall’ultimo angolo del mondo

© photo credit: Esteban Felix/AP

Panoramica sociale e politica della situazione attuale in Cile. Le conseguenze della pandemia. Le sfide per la comunità cristiana.

di  Julián Braun, scj

email email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Normalmente, il Cile non appariva così tanto nell’attualità internazionale e mondiale. Dava l’impressione di essere un paese più o meno tranquillo, abbastanza sicuro, rispetto ad altre parti della regione latinoamericana, con un certo benessere, almeno apparente, che attirava un notevole flusso di immigrati in cerca di migliori prospettive economiche. A conferma di questa percezione, il presidente Sebastián Piñera l’anno scorso ha detto con un certo orgoglio che il Cile è stato come un’oasi in tutto il contesto latinoamericano.

Le proteste popolari del 2019

Pochi giorni dopo quell’affermazione audace e presuntuosa, gli eventi si sono presi la briga di smentire crudelmente quella percezione di un’oasi di pace e di tranquillità. Venerdì 18 ottobre 2019 (il 18), un forte movimento di proteste e rivolte è scoppiato non solo a Santiago, ma anche in diverse importanti città del paese. Ciò che ha scatenato questi movimenti è stato l’aumento di 30 pesos della tariffa della metropolitana di Santiago. Tutti hanno capito subito che non si trattava di 30 pesos; “non 30 pesos, 30 anni”. Il popolo ha mostrato e notato il suo malcontento e la sua rabbia accumulati in trent’anni, anni che sono stati segnati da abusi, mancanza di partecipazione, disinteresse della classe politica nel popolo. Il popolo chiedeva la fine delle pensioni miserabili e indegne, dell’assistenza sanitaria classista, dell’abuso delle banche e dei loro crediti usurari, dell’educazione classista ed elitaria. I giorni sono passati con molta violenza, bruciando le stazioni della metropolitana, saccheggiando i supermercati, anche in diversi luoghi sono stati derubati i luoghi di culto, soprattutto quelli cattolici. Per esempio, nella città di Valdivia (800 km a sud di Santiago) si è tentato di saccheggiare la chiesa di San Francisco e alcuni dei mobili di quella chiesa sono stati bruciati. I nostri confratelli che vivevano nella stessa zona non sono stati danneggiati, ma hanno trascorso diversi giorni e notti nella paura e nell’insicurezza. Nel Paese è stato decretato lo stato di emergenza e di notte è stato imposto il coprifuoco.

Violenze contro i manifestanti

Per diverse settimane sono seguite dimostrazioni e manifestazioni a Santiago e in diverse città. Venerdì 25 ottobre si è svolta la più grande marcia/protesta mai vista a Santiago e in Cile: 1.200.000 (un milione e duecentomila) persone si sono riunite per esprimere il loro malcontento, la loro frustrazione, le loro richieste e il loro desiderio di cambiamento. È stata una marcia pacifica, nonostante alcuni incidenti violenti. Nelle settimane successive, le proteste e le manifestazioni sono continuate, in un clima di tensione ed esasperazione: ciò che ha infiammato i manifestanti, e l’opinione pubblica, è stata l’azione dei carabinieri (la polizia) che hanno commesso frequenti abusi di potere e usato una violenza sproporzionata contro i manifestanti: c’era un numero considerevole di persone con ferite agli occhi o altre ferite da proiettili e pallottole. La repressione è stata dura, e ci sono stati anche casi di tortura da parte delle forze di sicurezza.

Verso una nuova costituzione

Il 12 novembre 2019 è stato firmato un accordo tra i politici dei vari partiti per indire un referendum sull’opportunità o meno di redigere una nuova costituzione. La data di questo plebiscito è stata fissata per domenica 26 aprile 2020. Questo accordo ha ridotto un po’ la violenza delle manifestazioni, ma non le ha terminate: il popolo non ha dato molto credito a questo accordo firmato dai politici. C’era un clima di profonda sfiducia nelle autorità e nelle forze dell’ordine. Le proteste e le manifestazioni sono proseguite quasi ininterrottamente, soprattutto in Plaza Italia (chiamata anche Plaza Baquedano) dove si sono susseguite continue lotte tra manifestanti e polizia.

Il Covid-19 e le sue conseguenze

Ciò che ha fermato le manifestazioni non è stato il consenso dei politici, né l’azione drastica delle forze dell’ordine, ma quel piccolo virus chiamato covid-19 che ha portato con sé un susseguirsi di contaminazioni e ha praticamente paralizzato il Paese. La quarantena e il coprifuoco sono state decretate nelle città e nelle regioni, a seconda della virulenza del contagio. Il commercio è stato praticamente paralizzato, gli agglomerati e gli incontri sono stati proibiti, i contatti tra le persone sono stati ridotti al minimo, e alla fine di marzo tutti gli incontri e le celebrazioni liturgiche sono stati sospese.

La Chiesa ha dovuto organizzare la sua missione attraverso i social network; le messe sono state trasmesse su Facebook, i sacramenti del battesimo, della cresima, dei matrimoni… sono stati rimandati “a una data successiva”… Tutti gli incontri e le riunioni avvengono online. Le persone nelle parrocchie e nelle scuole apprezzano questo sforzo, ma sentono molto il desiderio e la “nostalgia” di vedersi faccia a faccia, di salutarsi, di vedere le espressioni dei loro volti e dei loro occhi, di vedere un sorriso, e non un volto coperto da una maschera. Durante i sei mesi di queste restrizioni abbiamo continuato a raggiungere le persone attraverso i social network per rimanere in contatto e continuare a trasmettere il messaggio del Vangelo e la vicinanza di Dio in queste circostanze.

Povertà e solidarietà

Di fronte a questa realtà di restrizioni che ha limitato quasi al suo minimo la vita sociale e pubblica, era prevedibile che i problemi sociali sarebbero aumentati; i licenziamenti e la disoccupazione, la mancanza di risorse che hanno colpito duramente le famiglie dove non arrivava più lo stipendio mensile… la povertà è aumentata molto, così come l’insicurezza per il futuro: quanto durerà tutto questo? Riuscirò a salvarmi dal contagio, o sarà il mio turno, o quello di qualcuno nel mio ambiente vicino?

Di fronte a queste situazioni di disagio, molte persone, soprattutto nelle comunità parrocchiali o di quartiere, si sono rese conto che l’unico modo per affrontare questa emergenza era la solidarietà, l’azione determinata ed efficace. In tutte le parrocchie, le mense per i poveri, le mense di solidarietà, le raccolte di cibo, ecc. sono state organizzate per rispondere alle esigenze più urgenti delle famiglie non protette. Questa generosità ci permette di aiutare un gran numero di persone e di famiglie che sono rimaste senza risorse. Nelle comunità, l’emergere del virus è vissuto come una sfida, un segno di Dio che ci chiama ad una maggiore solidarietà, giustizia e fraternità, a prenderci cura gli uni degli altri e a sostenerci a vicenda.

La ripresa degli scontri e gli abusi della chiesa

Domenica 18 ottobre di quest’anno, ricordando quanto accaduto l’anno scorso, ci sono state forti manifestazioni, con molti scontri tra polizia e manifestanti. Anche a Santiago alcuni manifestanti hanno incendiato due chiese cattoliche. Queste immagini hanno avuto un impatto e sono state conosciute in tutto il mondo. Un attacco contro la Chiesa in quanto tale? Sospetto che ci sia un’altra possibile spiegazione: la Chiesa cattolica in Cile ha perso molto della sua credibilità e del suo prestigio a causa degli abusi che molti dei suoi membri, compresa la gerarchia, hanno commesso contro i minori o hanno nascosto e messo a tacere questi abusi. Credo che i manifestanti che hanno dato fuoco alle chiese abbiano sentito che questa chiesa, o questa parte della chiesa, commette abusi quanto i politici, con l’aggravante che i capi della chiesa hanno abusato della fiducia della gente e violato la loro coscienza.

Vie per vivere nell’unità

Domenica 25 ottobre si è tenuto un referendum sull’opportunità o meno di redigere una nuova Costituzione. Questo referendum era stato programmato per il 26 aprile, ma a causa delle restrizioni dovute alla pandemia non ha potuto essere tenuto in quella data. C’è stata una partecipazione massiccia, nonostante il voto sia volontario in Cile, e la grande affluenza di giovani è stata impressionante. L’alternativa “approvo”, a favore di una nuova Costituzione, è stata vinta a stragrande maggioranza; il 79% degli elettori si è espresso per una nuova formulazione della Carta fondamentale. Solo tre comuni di Santiago, i più facoltosi, hanno espresso la loro preferenza per l’attuale Costituzione, che risale praticamente all’epoca di Pinochet. E la stragrande maggioranza ha anche espresso la decisione di affidare la redazione di questa nuova Carta fondamentale a una commissione eletta a suffragio universale e non a una commissione di parlamentari e politici: una commissione eletta per rappresentare l’intero spettro della realtà nazionale. Questa commissione, che sarà eletta l’anno prossimo, avrà un periodo di due anni per presentare la nuova Costituzione che sarà poi sottoposta a referendum.

Nelle nostre comunità continuiamo a lavorare serenamente nelle parrocchie e nelle scuole dove svolgiamo la nostra missione. Nonostante le limitazioni imposte dalla situazione sanitaria, possiamo camminare con le nostre comunità, utilizzando i mezzi che la tecnologia ci mette a disposizione. Come tutte le persone, speriamo che in un futuro non troppo lontano potremo tornare alle celebrazioni e agli incontri di persona, per vedere e sentire che siamo una comunità di credenti, la famiglia di Dio che ama riunirsi attorno al Signore per essere testimoni del suo amore in questo mondo affamato della presenza amorevole del Padre.

Iscriviti
alla nostra newsletter

ISCRIVITI

Seguici
sui nostri canali social

 - 

Iscriviti
alla nostra newsletter